FERROVIE E STRADE, NUOVE RISORSE DAL CIPE. ESULTANO DI GIROLAMO E GRIPPA

“Nella seduta dello scorso 24 luglio il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica ha assegnato nuove risorse destinate a finanziare progetti di investimento sulla rete ferroviaria e sulla rete stradale.E’ positivo il  commento della senatrice Di Girolamo e della deputata Grippa affermando la loro soddisfazione per questo stanziamento che rivendicano anche a loro merito e impegno, “anche sollecitando gli enti affinché fosse tangibile una velocizzazione del processo di avvio delle opere infrastrutturali”. Inoltre spiegano: “Questi stanziamenti sono stati possibili nell’ambito della fase di aggiornamento dei Contratti di Programma RFI e Anas (2018-2019) che presto saranno sottoposti anche al vaglio delle commissioni trasporti di Camera e Senato di cui siamo componenti e che per questo richiederà un ulteriore impegno da parte nostra”. Riguardo gli stanziamenti a beneficio delle infrastrutture del sud sul piano dell’ammodernamento e della sicurezza per gli utenti con particolare riguardo all’Abruzzo le due parlamentari aggiungono:”Sul fronte ferroviario sono stati appostati 211 milioni di euro che permetteranno di completare il raddoppio della linea Pescara-Chieti e ulteriori 45milioni di euro (che si sommano ai 16,5 già stanziati) i quali verranno destinati all’elettrificazione della linea Terni-Rieti-L’Aquila-Sulmona. Riteniamo invece che molto ancora dovrà essere fatto per velocizzare la tratta più critica della Pescara-Roma, ovvero quella delle aree interne.” “Il nostro è un impegno continuo – sottolineano le due parlamentari – investiamo molto del tempo del nostro mandato per gli interventi delle infrastrutture in Abruzzo, soprattutto sulla tratta ferroviaria Pescara – Roma che ad oggi può ritenersi la più critica. Infatti oltre agli interventi già individuati ma per i quali non erano stati appostati adeguati fondi, abbiamo chiesto formalmente a Rete Ferroviaria Italiana di rivedere progettualmente proprio questa parte della tratta”. Esattamente in merito a tali richieste dichiarano: “In questa seconda fase prendiamo atto di essere state ascoltate, perché riscontriamo un aumento degli stanziamenti rispetto agli anni precedenti, ma siamo in attesa che l’azienda ci presenti dei nuovi studi di prefattibilità, come avevamo richiesto, in grado di superare il gap infrastrutturale che contraddistingue il trasporto ferroviario abruzzese rispetto all’alta velocità che ormai serve l’intero nord Italia”. “Sappiamo che non è un lavoro semplice da esaurirsi in pochi mesi, ma abbiamo innescato un nuovo processo che seguiremo passo dopo passo, affinché i cittadini d’Abruzzo possano finalmente fruire di un collegamento ferroviario quanto più possibile similare alle linee di alta velocità, nel rispetto di un’ambiente straordinariamente montuoso che è quello della nostra meravigliosa regione dei Parchi”.Ulteriori soddisfazioni riguardano il comparto degli investimenti stradali di Anas che così commentano: “ereditando un piano programmatico in cui per l’Abruzzo erano previsti zero appostamenti in bilancio per le annualità 2017, 2018 e 2019 ora spuntano oltre 180 milioni di euro per gli interventi di Anas previsti nelle annualità 2020 e 2021 ed altri 137milioni circa oltre il 2021”.