ECCO IL PIANO SANITARIO VERI’, PUNTO NASCITA SULMONA SALVO MA SENZA PRIMO LIVELLO

Ecco come sarà la sanità abruzzese secondo il piano regionale proposto dall’assessore Nicoletta Verì. Sarà salvo il punto nascita di Sulmona, con deroga ai parametri fissati dal decreto Lorenzin e quindi il punto nascita resterà attivo, nonostante non raggiunga quota 500 parti all’anno. Sulmona sarà anche ospedale sede di Pronto soccorso ma non avrà il primo livello. Ma vediamo in generale. La rete di Emergenza e Urgenza (Hub e Spoke) sarà rivista con sette presidi sede di Dea (dipartimento emergenza e accettazione) di primo livello (Avezzano, L’Aquila, Lanciano, Vasto, Teramo), con due presidi, quelli di Chieti e Pescara, in connessione funzionale per specificità di Dea di secondo livello, il cosiddetto super-ospedale. Le strutture Dea di secondo livello dovrebbero assicurare funzioni di più alta qualificazione legate all’emergenza, tra cui la neurochirurgia, la cardiochirurgia, la terapia intensiva neonatale, la chirurgia toracica e la chirurgia vascolare. Il primo livello, invece, deve garantire almeno le funzioni di osservazione e breve degenza, di rianimazione e deve inoltre garantire interventi diagnostico-terapeutici di medicina generale, chirurgia generale, ortopedia e traumatologia, cardiologia con UTIC (Unità di Terapia Intensiva Cardiologica). Stesso destino dovrebbe infatti  toccare all’Aquila-Teramo: nella riprogrammazione si fa riferimento alla necessità di completare il lavoro dell’apposita commissione per lo studio di fattibilità entro il 2019. Nel documento c’è la proposta di sospendere fino al 2021 la riconversione dei presidi ospedalieri ubicati tra comuni del cratere sismico. Sei saranno gli ospedali sedi di Pronto Soccorso. Si tratta di Sulmona, Atri, Giulianova, Sant’Omero, Penne e Popoli. Non figurano i punti di primo intervento di Tagliacozzo e Pescina. Due i Pronto soccorso di area disagiata, Castel di Sangro e Atessa. Cambia il sistema del 118: le centrali operative saranno ridotte da 4 a 2 (L’Aquila e aeroporto Pescara), «in modo di garantire l’accesso dei cittadini alla rete dell’emergenza ospedaliera secondo criteri di appropriatezza e tempestività». La dotazione massima di posti letto prevista è pari a 4.846, di cui 3.929 per acuti e 917 per post-acuti: saranno attivati 155 nuovi posti letto per acuti e 243 per post-acuti. Definita anche la riorganizzazione dei reparti: le cosiddette Unità operative complesse (Uoc) saranno 179 (in riduzione da 219). Per quanto concerne le Unità Operative Semplici (Uos) lo standard di riferimento è 234, con incremento di 26. I due centri Hub cardiochirurgici sono identificati presso il Santissima Annunziata di Chieti e l’ospedale Mazzini di Teramo. I due centri Hub neurochirurgici saranno invece a Pescara e L’Aquila.



Il tuo commento