BORGO SAN PANFILO SCHIERA I MIGLIORI MUSICI E SBANDIERATORI D’ITALIA

Alla vigilia della Giostra CavaIleresca di Sulmona ReteAbruzzo comincia un “viaggio” nei Borghi e Sestieri, attraversando da Nord a Sud il centro storico. Prima tappa Borgo San Panfilo. “Quest’anno il nostro corteo– spiega il capitano Paolo Alessandroni – avrà diverse novità: faremo sfilare, oltre al consueto gruppo tecnico, uno sbandieratore con una bandiera del 1995 realizzata e dipinta a mano come si faceva nei primi anni di Giostra e la prima dama sarà l’ascolana Anastasia, fidanzata del nostro cavaliere Luca Innocenzi ed inoltre io indosserò il primo abito da capitano con cui ho sfilato venticinque anni fa”. Il corteo del Borgo San Panfilo sarà composto da più di sessanta figuranti, tra i quali anche il gruppo di musici e sbandieratori, uno dei venti gruppi tecnici migliori d’Italia. Capitan Alessandroni infatti è l’unico dei capitani originari ad aver conservato la propria carica in 25 anni di Giostra. “Ricordo ancora il primo anno che sfilammo, – continua Alessandroni – avevamo solo quattro sbandieratori, ora vedere questi ragazzi che si esibiscono e raccolgono riconoscimenti ed apprezzamenti in tutta Italia mi riempie d’orgoglio”. Il Borgo San Panfilo, come tutti gli altri Borghi e Sestieri della città, si impegna tutto l’anno nell’organizzazione di cene sociali ed attività tra le quali ‘la polentata’ nel mese di gennaio, l’organizzazione di un torneo di musici e sbandieratori dedicato a Luisa D’Agostini nel mese di giugno. Inoltre il Borgo San Panfilo gareggerà, il prossimo settembre, a Faenza nella Tenzone Aurea, massimo campionato italiano di musici e sbandieratori per la terza volta nella loro storia. “Sono stati venticinque anni di duri e di sacrifici, siamo partiti dal nulla ed abbiamo creato tutto questo. Sono stati venticinque anni in cui si sono creati dei legami indissolubili come quello con la città di Burghausen, da cui siamo appena tornati, che poi ha anche reso possibile il gemellaggio ufficiale tra le due città. Sono stati venticinque anni di soddisfazioni personali, ma forse è arrivato il momento di cambiare. Ad ottobre ci saranno le elezioni per il nuovo direttivo e ci sarà bisogno di un cambio di passo per dare una nuova linfa al borgo: dobbiamo creare il futuro. Colgo l’occasione per ringraziare tutto il popolo del Borgo, coloro che mi sono e mi sono stati vicino perché solo con il loro appoggio è stato possibile fare tutto questo”. Prossimo appuntamento è quello di domani, sabato 20 luglio, nel piazzale antistante la scuola media Serafini, alle 19 per il concerto del C.O.S.I., associazione canadese per lo studio della musica operistica in Italia che da anni collabora con il Borgo San Panfilo, a seguire il ‘Mojito Party’, con l’apertura degli stand gastronomici ed il dj set. Il Borgo San Panfilo prende vita a nord del centro storico, è sorto intorno alla Basilica Cattedrale di San Panfilo, patrono di Sulmona e della diocesi, comprendendo tutta l’area settentrionale del centro: da piazza Carlo Tresca alla parte nord delle due circonvallazioni, orientale ed occidentale. Il luogo di riferimento in cui si svolgono le cene sociali e le feste estive è il piazzale antistante alla scuola media Panfilo Serafini, lungo viale Matteotti. I colori sociali sono l’oro ed il rosso cardinale, mentre il blasone è formato da uno scudo d’oro con una losanga rosso porpora ai quattro bordi dello scudo, caricata della conchiglia d’oro di San Giacomo, simbolo di fratellanza. Sul cimiero è rappresentata la testa di cigno strappata, al naturale, tenente nel becco una conchiglia d’oro. Il motto del Borgo San Panfilo è Salus mea Pamphilus est, Panfilo è la mia salvezza. Ha vinto il palio della Giostra Cavalleresca nel 1997 con il cavaliere Francesco Brunotti e nel 2017 con il folignate Luca Innocenzi, che correrà anche quest’anno difendendo i colori giallorossi.
Lorenzo Marsicola


Il tuo commento