VESCOVO FUSCO IN INDONESIA IN MISSIONE DI BENEFICENZA

In Indonesia in missione di beneficenza il vescovo di Sulmona-Valva, Michele Fusco e il cappellano dell’Arciconfraternita SS. Trinità, don Gilberto Uscategui. Un’iniziativa annunciata nella domenica delle Palme, prima del concerto del coro trinitario del Miserere, nella chiesa della SS.Annunziata. La Diocesi e l’Arciconfraternita trinitaria infatti hanno raccolto fondi da donare a settantacinque ragazzi orfani ospitati dalle Suore dell’Imitazione di Gesù, ad Ende, nell’isola di Flores, con quatto diocesi, che vanta una popolazione a maggioranza cattolica nella nazione con la più grande popolazione musulmana al mondo. Ad Ende le suore dell’Imitazione di Gesù, la stessa congregazione che è presente a Sulmona nella chiesa della SS. Trinità, gestiscono con grande impegno missionario diverse opere al servizio delle comunità più povere: la scuola media, un centro medico, una casa di ritiri spirituali dove accolgono alcuni ragazzi in cerca di lavoro circa trenta, poi l’orfanotrofio. Quest’ultimo è stato l’obiettivo centrale del viaggio. Grande festa di accoglienza è stata riservata dalle suore e dai ragazzi dell’orfanotrofio a monsignor Fusco e a don Gilberto. A riceverli anche la madre generale dell’ordine religioso con il suo consiglio generale. Vescovo e cappellano hanno indossato abiti dai colori assai vivi, tipici dell’Indonesia. “Non riuscivamo a comprendere la lingua ma abbiamo comunicato con il linguaggio del cuore, quello dell’amore” ha detto il vescovo, ricordando che i benefattori di Sulmona hanno voluto sostenere gli orfani donando loro il necessario per la scuola per il prossimo anno scolastico e un sostegno per le necessita dell’istituto. “Abbiamo portato il nostro piccolo contributo da Sulmona ma tanto abbiamo ricevuto dai loro sorrisi e dai loro gesti di accoglienza sincera e fraterna – ha continuato il prelato – attraverso i mezzi di comunicazione abbiamo avvertito la vicinanza di tanti della comunità di Sulmona che hanno seguito il nostro viaggio.Siamo stati accolti nella casa di esercizi spirituali delle suore, un alloggio semplice ma che esprimeva tutta l’attenzione verso di noi delle suore e dei giovani che erano nella casa”. A conclusione del soggiorno ad Ende le suore ed i ragazzi hanno preparato una serata di festa, con preghiere, danze e cena Indonesiana. “La gioia e la commozione sono state davvero grandi, portiamo con noi la grande fede di questo popolo che in tante occasioni incontrandoci chiedevano benedizioni e preghiere” ha raccontato monsignor Fusco. Molto bello l’incontro con il vescovo di Ende, Vincent, che ha ringraziato il vescovo di Sulmona ed il cappellano trinitario ed ha condiviso con loro il suo impegno missionario e di evangelizzazione. “Molto ci ha colpito e arricchito il vedere la pacifica convivenza delle varie religioni nello stesso territorio, al mattino presto il Muezzin dal Minareto invitava alla preghiera musulmana e allo stesso tempo le campane richiamavano i cattolici alla Santa Messa – ha concluso il vescovo Fusco – torniamo a casa con gli sguardi e i volti di tanti nostri fratelli e sorelle che condividono la nostra stessa fede,  e testimoniano con gioia la loro appartenenza alla chiesa cattolica ed in qualche modo vivono una esperienza di fede molto forte e forse più intensa di noi”.



Il tuo commento