MAFIA DEI PASCOLI, INTERROGAZIONE ALL’UE DELL’EUROPARLAMENTARE COZZOLINO

L’eurodeputato del Pd, Andrea Cozzolino, ha presentato un’interrogazione sulla cosiddetta mafia dei pascoli, fenomeno preoccupante tornato in questi ultimi giorni alla ribalta delle cronache regionali, dopo la denuncia dell’imprenditore agricolo Adriano Marrama, titolare di un’azienda a Vittorito, pubblicata da ReteAbruzzo. Stando alla denuncia dell’imprenditore, che ha presentato un esposto alla Guardia di Finanza, il fenomeno consisterebbe nella speculazione che sedicenti aziende agricole praticano, affittando quote importanti di terreni, con il solo scopo di incassare i fondi messi a disposizione dell’Unione Europea per gli allevatori. Intervenendo sul caso Cozzolino ha presentato un’interrogazione, con richiesta di risposta scritta, alla Commissione europea per l’agricoltura e lo sviluppo rurale”. “Stando alle denunce – si legge nella nota del Pd – grandi aziende del nord Italia affitterebbero vaste aree di terreni con lo scopo di veder fruttare i titoli di coltura in loro possesso, senza garantire l’effettiva attività di pascolo degli armenti, che servono solo a legittimare l’ottenimento dei fondi europei”. “Questa pratica consentirebbe alle aziende interessate di percepire un valore, a titolo di contributo Pac, che in alcuni casi supera anche i 1.000 euro per ettaro, favorendo così i grandi gruppi e le cooperative di fuori regione, rispetto ai piccoli allevatori locali”. “C’è chi vive nelle montagna abruzzese ed eroicamente continua a fare l’allevatore, con tanti sacrifici, e società del nord Italia, che accaparrano ettari ed ettari di pascolo, solo per ottenere ricchi contributi, facendo sostanzialmente ‘finta’ di fare gli allevatori” sottolinea il Pd. Con l’interrogazione presentata in Commissione europea, Cozzolino denuncia tale situazione e chiede alla Commissione Ue quali iniziative ha assunto o intende assumere per tutelare gli interessi dei legittimi allevatori e per porre fine a queste pratiche sleali, ripristinando il corretto utilizzo dei fondi europei.



Il tuo commento