LA TOGA SMARRITA TORNA ALL’AVVOCATO CATIA PUGLIELLI

E’ tornata alla sua proprietaria la toga dell’avvocato Catia Puglielli. La toga, simbolo quasi sacrale della professione forense, era scomparsa dall’aula d’udienza del Tribunale, in una pausa di un processo. Il fatto aveva suscitato grande dispiacere all’avvocato Puglielli. “Per ritrovare la toga smarrita ho fatto tante telefonate a tutti i colleghi – racconta l’avvocato Puglielli – ringrazio tutti e con tutti mi scuso per il disturbo ma smarrire quella toga sembrava per me perdere un pezzo importante della mia identità”. La toga “avvolge” peraltro un mondo di ricordi. “Questa toga, che in tante occasioni ho prestato ai neoavvocati per il rituale giuramento d’inizio professione, in segno di buon augurio, mi è stata donata dall’avvocato Vincenzo Colaiacovo, con il quale ho avuto la fortuna di compiere il percorso del mio praticantato e a cui sempre sono grata”. Così come l’avvocato Puglielli ringrazia tutti gli amici per la solidarietà dimostrata. “Sono molto felice, nel mondo degli avvocati la toga è un bene prezioso, ha un valore affettivo perché racchiude una storia di sacrifici e di speranze. La mia toga era stata regalata dal mio dominus con l’augurio di realizzarmi nella professione, una professione che noi avvocati mettiamo a disposizione della collettività con impegno e passione” conclude Catia Puglielli.



Il tuo commento