SUICIDIO IN UNA CASA DI RIPOSO, FINISCE SOTTO PROCESSO L’IMPRENDITORE DI SULMONA CHE GESTISCE LA STRUTTURA

Si gettò da una finestra della casa di riposo di Castelvecchio Subequo dove era ospitato. Dopo qualche ora morì in seguito alle ferite riportate nella caduta mettendo nei guai il titolare della struttura che lo ospitava. Ieri il tuo del tribunale di Sulmona Giuseppe Ferruccio, lo ha rinviato a giudizio per omicidio colposo. A finire nei guai Paolo Salutari 48enne di Sulmona; l’imprenditore dovrà presentarsi in tribunale il prossimo sette gennaio per la prima udienza del processo. La vicenda fa riferimento al novembre 2016 quando nella casa di riposo che Salutari gestisce a Castelvecchio Subequo, uno degli ospiti della struttura si gettò da una finestra del terzo piano finendo rovinosamente a terra. Subito soccorso dal personale in servizio l’anziano morì qualche ora dopo all’ospedale di Sulmona.Il decesso fece scattare l’inchiesta perché secondo la procura l’anziano, con la patologia che aveva, non poteva essere ospitato in quella struttura ma in una residenza sanitaria assistita. Nel procedimento giudiziario Salutari,  è assistito dall’avvocato Alessandro Scelli.