INSEGUIMENTO DOPO TENTATA RAPINA A PESCARA, ARRESTATI 4 MINORENNI

L’arresto dei quattro minorenni

PESCARA. Auto della polizia speronate, strade imboccate a folle velocità: paura ieri pomeriggio a Pescara con 4 minorenni che hanno dato filo da torcere alla polizia inscenando un inseguimento da film d’azione. Alla fine i quattro sono stati arrestati con non poche difficoltà e condotti  due al centro di accoglienza dell’Aquila e due a quello di Roma. Per loro le accuse sono tentata rapina, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni, ricettazione della macchina rubata e danneggiamento.

L’allarme è scattato quando al 113 sono arrivate alcune segnalazioni circa un’autovettura di colore grigio, sprovvista della targa anteriore, i cui occupanti, descritti tutti come ragazzi molto giovani, avevano cercato di rapinare il motorino ad un ragazzo e, inoltre, con una condotta di guida spericolata, avevano rischiato d’investire un pedone nella zona Colli, mentre stava attraversando sulle apposite strisce.

Gli agenti della squadra volante e del Reparto prevenzione crimine Abruzzo hanno iniziato le ricerche ed intercettato il mezzo proprio ai Colli: intimato l’alt, il conducente non si è fermato e, anzi, si è dato alla fuga, inseguito dalla pattuglia che per prima aveva individuato l’automobile, una Citroen C4 risultata rubata ieri, con denuncia presentata ai carabinieri di San Giovanni Teatino.

La folle corsa non è terminata neppure quando una pattuglia del Reparto prevenzione crimine Abruzzo ha sbarrato la strada al mezzo: il conducente ha preferito imboccare una via contromano. L’inseguimento è continuato lungo l’Asse attrezzato, in direzione Chieti. L’auto lo ha percorso a forte velocità, zigzagando pericolosamente tra le auto e tentando più volte di speronare il mezzo della polizia.

L’inseguimento è terminato nella zona di Dragonara: a bordo dell’auto quattro ragazzi minorenni – due 15enni e due 16enni – tutti di Pescara, due dei quali con precedenti di polizia. Sull’Asse attrezzato, durante la fuga, avrebbero urtato, seppure lievemente, anche alcune macchine che viaggiavano nella stessa direzione di marcia.

Dopo i rilievi della polizia stradale, i quattro sono stati accompagnati in questura e arrestati.



Il tuo commento