AD INTRODACQUA FESTA PER IL NUOVO SINDACO COLASANTE CHE ANNUNCIA I SUOI PRIMI OBIETTIVI

E’ stata festa questa sera ad Introdacqua per il nuovo sindaco, Cristian Colasante, eletto nel voto di domenica 27 maggio. Oltre un centinaio di cittadini si sono ritrovati nel locale del ristorante pizzeria La Trota per festeggiare con il sindaco i nuovi amministratori della cittadina peligna. Tante strette di mano e abbracci di buon augurio per il mandato che inizia. Poi una cena a base di porchetta, panini e pizza. Tanti auspici, ipotesi e ansia di novità da vedere presto concretizzata. Poi i discorsi di fine incontro, per cominciare il percorso amministrativo e mettersi quindi alla prova. Il sindaco ha ringraziato tutti gli elettori precisando che sarà sindaco di tutti gli introdacquesi, ad esclusivo servizio della comunità. Tra i primissimi obiettivi del suo mandato Colasante ha indicato la riorganizzazione della macchina amministrativa. “Il Comune deve ripartire proprio dalla riorganizzazione della macchina amministrativa, perché sia strumento efficiente al servizio della cittadinanza – ha spiegato il sindaco – già nei prossimi mesi ci saranno vari pensionamenti ed abbiamo bisogno di vigili urbani, ufficio tecnico, operai esterni. Così faremo ripartire al meglio il Comune di Introdacqua”. Il sindaco ha poi sottolineato che “c’è grande attesa, tanto entusiasmo e voglia di fare” tra i nuovi amministratori e i cittadini. “Non sarà un compito facile il nostro – ha proseguito Colasante – ma c’è la volontà di fare bene e il paese sta già rispondendo”. “Torneremo ad essere una cittadina importante, come lo è stata fino a pochi anni fa, supereremo qualche difficoltà di questi ultimi anni e Introdacqua sarà di nuovo tra le realtà più importanti del comprensorio peligno”. E a proposito di comprensorio il sindaco ha sottolineato che occorrerà impostare un rapporto di collaborazione tra tutti i Comuni della Valle Peligna, uniti per vincere la sfida della crisi e la scommessa della ripresa, con Sulmona che resta il fulcro dell’intero territorio. “Sarò amministratrice al servizio dell’intera comunità introdacquese” è poi intervenuta Carla Di Benedetto, consigliere comunale eletto con il maggior numero di preferenze. “Introdacqua non è paese diviso in due, siamo un’unica comunità – ha precisato Di Benedetto – non esistono cittadini di serie a e serie b, paese e frazioni sono tutt’uno e lavoreremo tutti insieme nell’esclusivo interesse della nostra comunità”. “Introdacqua deve tornare tra i primi paesi peligni e ci riusciremo, perché siamo un paese con una grande storia e grandi tradizioni da difendere e valorizzare” ha proseguito il consigliere comunale, facendo cenno alla tradizione più rinomata che è quella legata alla musica e alla banda musicale. “Ma siamo anche paese d’origine di personalità come Pascal D’Angelo, abbiamo insomma tanta storia e cultura da valorizzare e di cui essere fieri, così da poter rendere visibili queste nostre ricchezze culturali sia in campo regionale ma anche nazionale ed estero”. Al riguardo andranno anche rafforzati i legami con gli introdacquesi residenti negli Stati Uniti e in Canada, con cui mettere a punto iniziative da promuovere nell’interesse della cittadina.



Il tuo commento