DANNI DA FAUNA SELVATICA, AGRICOLTORI E ALLEVATORI IN ASSEMBLEA A VITTORITO

Agricoltori e allevatori ancora sul piede di guerra con la Regione per l’emergenza fauna selvatica. Saranno in assemblea lunedì prossimo, 3 giugno, alle 19, nell’aula consiliare del Comune di Vittorito, per ribadire la loro protesta. All’incontro è stato invitato anche l’assessore regionale all’Agricoltura, Emanuele Imprudente. Agricoltori e allevatori peligni continuano infatti a subire danni alle colture e ai capi di bestiame, procurati dalla fauna selvatica, in  particolare da cervi e cinghiali, a fronte di magri risarcimenti del danno da parte della Regione. Il risarcimento, secondo quanto stabilito da leggi regionali, non può superare il 22% del danno certificato. Nelle scorse settimane alcuni titolari di aziende agricole e di allevamento peligni hanno simbolicamente occupato la sede sulmonese della Coldiretti proprio per denunciare un’ingiustizia e una penalizzazione delle aziende, che a causa delle continue incursioni della fauna selvatica rischiano la chiusura. A convocare l’assemblea è stato il sindaco di Vittorito, Carmine Presutti, nella veste di vice presidente e assessore all’Agricoltura dell’Unione dei Comuni “Terre dei Peligni”. “Negli ultimi anni c’è stato un notevole incremento di fauna selvatica dovuto soprattutto alla presenza di parchi e riserve – spiega il sindaco Presutti – essi infatti costituiscono un serbatoio di riproduzione delle specie”. Una presenza che provoca enorme danno, in maniera costante, alle agricolture e agli allevamenti. “Agricoltori e allevatori sono stanchi di subire danni ingenti davanti alla generale indifferenza delle istituzioni e delle autorità competenti – sottolineano i promotori della protesta – adesso vogliamo risposte non di magro risarcimento, l’elemosina non serve, alla Regione chiediamo soluzioni”.



Il tuo commento