“INCONTRO AL BUIO”, LABORATORI D’ARTE AL VIA NELLE SCUOLE SUBEQUANE

L’arte entra a scuola con il laboratorio sperimentale che da oggi 27 maggio e fino a domenica prossima, 2 giugno, coinvolgerà gli studenti della scuola media di Castelvecchio Subequo. “Incontro al buio” è il titolo che gli artisti Elia Gobbi e Sirinat Sonia Kasikam hanno dato al laboratorio. L’esperienza di laboratorio, alla sua terza edizione, è promossa dal Comune di Castel di Ieri in collaborazione con l’artista teatino Angelo Mosca e Spazio Studio. Saranno ospiti dell’evento artisti di fama internazionale, come del resto è già avvenuto nelle precedenti edizioni. Gli artisti lavoreranno fianco a fianco con gli studenti degli istituti scolastici della Valle Subequana, usufruendo di spazi delle scuole ma anche di Spazio Studio e Casa Morante. “L’edizione di quest’anno sarà dedicata alla capacità di sentire e al concepire qualsiasi espressione artistica come un’esperienza in grado di mettere in moto tutti i sensi, coinvolgendoli nel processo di creazione – spiega Angelo Mosca – Gobbi e Kasikam hanno preparato un progetto che spingerà gli studenti a sviluppare la propria creatività attraverso la privazione di uno dei cinque sensi, la vista, per poi invitarli attraverso le percezioni, le sensazioni e le modalità acquisite”. Gobbi e Kasikam esperti di arti figurative e di teoria e pratica della terapeutica artistica lavorano tra l’Italia e la Svizzera ed hanno esposto le proprie opere in Italia e all’estero. In questi giorni gli artisti soggiorneranno in Casa Morante, che il Comune ha messo a loro disposizione, come nelle edizioni precedenti e che anche in futuro ospiterà artisti nazionali ed esteri, che attraverso la loro vocazione intendano dare concretezza ad un progetto di riscoperta, rilancio e rivitalizzazione dei piccoli borghi.