SCRITTE INTIMIDATORIE SU MURO E SARACINESCA DI UN NEGOZIO IN VIA PESCARA

Un gesto inquietante, il terzo nel giro di una settimana, ha colpito una famiglia sulmonese, titolare di un negozio di articoli per caccia e pesca lungo via Pescara, nei pressi della villa comunale. La saracinesca e i muri del locale sono stati imbrattati di vernice spray rossa e blu, con scritte illeggibili e strani simboli. Sul posto è stata chiamata una volante della Polizia per i rilievi del caso. “E’ la terza volta in sette giorni che veniamo presi di mira – afferma Stefano Ranucci, titolare del negozio insieme al padre – non riesco a capire quale sia il movente di questi atti, visto che io non ho debiti con nessuno e sono in buoni rapporti con tutti”. E’ stato lo stesso proprietario a scoprire l’accaduto quando questa mattina è andato ad aprire il negozio: “La scorsa settimana avevano fatto la stessa cosa scrivendo però che dovevo pagare – prosegue il commerciante – pagare cosa, io non devo niente a nessuno e sto a posto con la mia coscienza. Come non riesco a capire il danneggiamento che mi è stato fatto al furgone, sempre nei giorni scorsi, evidentemente c’è qualcuno che ce l’ha con me e con la mia famiglia e non riesco a capire chi possa essere”. In mattinata il giovane commerciante si è recato al commissariato per denunciare l’accaduto e raccontare anche i particolari degli altri due episodi che lo hanno interessato. Sempre in mattinata la Polizia ha aperto un fascicolo contro ignoti, in cui s’ipotizza il reato di danneggiamento. Anche se secondo gli inquirenti dietro a questi fatti si potrebbe nascondere qualcosa di più grave