SCONTRO SUL BANDO MENSA SCOLASTICA, CONVOCATA COMMISSIONE VIGILANZA

La lettera dell’assessore Mauro Tirimacco riaccende la polemica sul bando di gara per la refezione scolastica e già per mercoledì prossimo è stata convocata dal presidente Maurizio Balassone la commissione Vigilanza, per esaminare il caso. Nel vertice di due sere fa il gruppo consiliare Pd aveva deciso di abbassare i toni della contrapposizione nata nella maggioranza sul bando di gara per l’appalto del servizio di refezione scolastica. Un appalto da un importo dalle cifre ragguardevoli e che stuzzica il “palato” di tante aziende. Ieri la lettera protocollata e poi resa pubblica dall’assessore Mauro Tirimacco ha riacceso il fuoco che si voleva lentamente spegnere. L’assessore ha preso le distanze da quel bando di gara, usando argomenti sui quali avrebbe voluto una riflessione approfondita da parte dell’amministrazione comunale e della maggioranza. Magari, prima della pubblicazione del bando, da portare anche alla discussione del Consiglio comunale. Ma qualche termine di troppo ha costretto il presidente della commissione Vigilanza, Maurizio Balassone, ad una convocazione dell’organo. Un organo che ha compiti ispettivi ma anche il potere di trasmettere atti all’autorità giudiziaria. “La situazione merita la massima attenzione – ha precisato Balassone – bisognerà verificare chi fa cosa e porre attenzione soprattutto sugli scambi di considerazioni che ci sono stati e se ci siano state azioni andate oltre un dato limite”. C’è stato infatti uno scambio epistolare tra l’assessore e il segretario generale del Comune, Nunzia Buccilli. Infine Balassone ha ricordato che da anni si attendeva la definizione della questione della gara per la refezione scolastica. “Bisogna dare atto alla giunta comunale del lavoro portato avanti con alacrità e serietà”.



Il tuo commento