BILANCIO DI PREVISIONE LUNEDI IN CONSIGLIO: PIU’ FONDI PER DECORO DELLA CITTA’ MA TAGLI AGLI EVENTI CULTURALI

La bilancia da una parte deve pendere. Il vecchio detto popolare ben si adatta alla logica del bilancio di previsione che l’assessore comunale Stefano Mariani si appresta a presentare in aula consiliare. L’appuntamento con il passaggio tra i più delicati di ogni amministrazione è per lunedì mattina, alle 9.30. “Abbiamo pensato di privilegiare l’obiettivo di restituire pieno decoro e ordine all’immagine della città – premette l’assessore- per questo abbiamo deciso, come amministrazione comunale, di dare più forza alle manutenzioni di strade, verde pubblico e vari immobili comunali, a cominciare dagli edifici scolastici”. Tra i vari capitoli si tratta di stanziamenti di circa 85mila euro. “Abbiamo passato in rassegna certosina, lavorando di cesello, i capitoli di bilancio di ogni settore e articolazione dell’amministrazione comunale, per non lasciare nulla in sovrappiù o in meno rispetto alle reali esigenze di ogni comparto” precisa Mariani, ricordando che è drastica la riduzione di trasferimenti ai Comuni da Stato e Regioni. Ma la bilancia se pende verso il decoro e l’ordine della città, non pende dalla parte della cultura. Concorso internazionale Caniglia, Sulmonacinema, Certamen Ovidianum, celebrazioni celestiniane, Premio Sulmona d’Arte, sono gli eventi che subiscono, chi più chi meno, tagli. Immune da tagli resta la Giostra Cavalleresca, che però si vede ridotto il contributo della Regione. Scontate saranno le reazioni. “Mi attendo reazioni ma chi in aula consiliare muoverà obiezioni dovrà anche proporre soluzioni alternative adeguate – avverte subito l’assessore – se non tagliamo sulla cultura, dove allora bisognerà tagliare?”. Ma una “pezza a colore”, peraltro parziale, è rappresentata dal patrocinio che il Comune offrirà agli eventi più importanti sull’uso delle strutture culturali e sportive. Anche sulla sicurezza l’amministrazione comunale intende rafforzare gli interventi sia per la manutenzione della videosorveglianza che per il suo potenziamento, sperando che nel prossimo futuro le immagini filmate dalle telecamere siano finalmente definite, più che deformi. Ma questo è solo un’anticipazione sommaria del bilancio di previsione. In aula consiliare tutto sarà ancor più chiaro. Ma la bilancia, come premesso e per concludere, da una parte deve pendere.