GILBERTO MALVESTUTO AI GIOVANI: BATTETEVI SEMPRE PER LA LIBERTA’

Essere questa mattina in piazza Tresca, a commemorare il sacrificio di quanti hanno lottato per la libertà e la democrazia, contro il fascismo e nazismo oppressori, è stata una grande gioia per l’anziano ufficiale della Brigata Maiella, Gilberto Malvestuto. Sulla sedia a rotelle, fazzoletto tricolore al collo, quello della sua Brigata e nonostante i suoi novantotto anni, Malvestuto ha avvicinato tanta gente, in particolare i giovani e con lucidità invidiabile ha raccomandato a tutti di essere sempre attenti a difendere i valori della Resistenza, quelli sui quali si fondano la Repubblica e la Costituzione, che resta tra le migliori leggi fondamentali al mondo. E soprattutto alle giovani generazioni l’ex ufficiale si è rivolto. “L’affetto di voi giovani ripaga il nostro sacrificio e legittima le nostre lotte” ha scritto Malvestuto su Facebook appena tornato dalla cerimonia in piazza Tresca. La simpatia e l’affetto dimostrati dai giovani per Malvestuto è stato un “grande regalo” in una “giornata bellissima”. L’ex ufficiale dei patrioti della Brigata Maiella, la stessa che vide tra i suoi militanti il sulmonese Oscar Fuà, caduto appena diciassettenne a Brisighella, ha ricordato che “indossare un mitra pesa e non mi è mai piaciuto, l’ho fatto solo per guadagnare la libertà che spetta da ogni uomo”. “Battetevi sempre per la libertà” ha concluso il patriota rivolto ancora ai giovani “anche quando noi non ci saremo più la nostra Maiella  vi ricorderà da che parte stare”.

(Nella foto Malvestuto con Luciano Fuà, fratello del patriota Oscar)