SOPRALLUOGO IN BIBLIOTECA, NUOVA VERIFICA E POI SI DECIDERA’ SE TRASFERIRE I LIBRI

Sarà richiesta una nuova verifica statica dei locali della Biblioteca comunale Ovidio e solo dopo l’amministrazione comunale valuterà la decisione sul trasferimento provvisorio del prezioso patrimonio conservato nei locali dell’edificio del Liceo classico. E’ questo quanto emerso dal sopralluogo di questa mattina nella biblioteca chiusa in seguito al sisma del 2009, compiuto dall’assessore comunale, Manuela Cozzi, insieme al funzionario della sovrintendenza archivistica Abruzzo e Molise, Rachele Colella,  accompagnate dai Vigili del Fuoco di Sulmona, alla presenza di Roberto Carrozzo della sezione sulmonese dell’Archivio di Stato e di Rosanna D’Aurelio, dipendente comunale in pensione. La condizione della Biblioteca oggi si presenta stazionaria, nonostante le problematiche conseguenti alla chiusura dell’edificio per lungo tempo, che ha ridotto la salubrità del locale stesso. All’esito della nuova verifica, l’amministrazione prenderà la decisione riguardante gli oltre ventimila volumi conservati negli scaffali della struttura, che risultano ancora in buono stato. “Il dubbio da sciogliere riguarda l’ipotesi di trasferire i libri in una sede alternativa oppure se, dopo eventuali interventi di messa in sicurezza della struttura, con tempi e modi dovuti, la biblioteca potrà essere fruibile restando nella sede originaria” ha chiarito l’assessore Cozzi. “Auspichiamo che i tempi possano essere più stretti al fine di salvaguardare e valorizzare la biblioteca chiusa da troppo tempo, molto importante per Sulmona e il territorio, dato che custodisce anche preziosi volumi antichi di prestigiosi autori figli di questa città e rappresenta un punto di aggregazione” ha poi concluso.


Un pensiero riguardo “SOPRALLUOGO IN BIBLIOTECA, NUOVA VERIFICA E POI SI DECIDERA’ SE TRASFERIRE I LIBRI

  • 9 Aprile 2019 in 15:19
    Permalink

    Finalmente qualcosa comincia a muoversi! E’ semplicemente inammissibile che si sia perduto tanto tempo ! Speriamo che non sia troppo tardi per restituire a Sulmona dignità e decoro nel segno di un luminoso passato!

I commenti sono chiusi