PIANO DI PROTEZIONE CIVILE SEGNA IL PASSO, VA DESERTA LA GARA PER L’AGGIORNAMENTO

A dieci anni dal terribile sisma che ha sconvolto L’Aquila il piano di protezione civile del Comune di Sulmona resta fermo, da aggiornare ancora. Infatti è andata deserta la gara bandita dal Comune di Sulmona, per l’aggiornamento del piano. Non sono pervenute offerte nel termine del 28 dicembre 2018 e il Comune si è visto costretto ad indire una nuova procedura di gara. A firmare la determina dirigenziale è il dirigente del IV Settore Amedeo D’Eramo. La determina è stata già pubblicata sull’Albo Pretorio del sito istituzionale dell’ente. La determina stabilisce l’indizione della nuova procedura di gara, per un importo di 21mila euro, attraverso manifestazione di interesse e quindi di acquisire mediante procedura negoziata, da indagine di mercato, il servizio consistente nell’aggiornamento del piano di protezione civile del Comune; aggiornamento del piano catasto incendi ai sensi della legge 353/2000; aggiornamento di localizzazione dei pericoli da valanga o esistenti; studio dell’analisi della condizione limite per l’emergenza – CLE. Tutti particolari elementi aggiunti nel bando dall’ex assessore comunale alla Protezione Civile, Antonio Angelone. Nonostante la sismicità della zona e sebbene in questi giorni torni vivo il ricordo della tragica notte tra il 5 e 6 aprile il piano di protezione civile del Comune di Sulmona continua a segnare il passo.