TRASPORTI URBANI, BOTTA E RISPOSTA TRA PINGUE E L’ASSESSORE BIAGI

Il capogruppo di Avanti Sulmona, Fabio Pingue, nei giorni scorsi aveva invitato il neoassessore ai Trasporti, Luigi Biagi, a non abbandonare il lavoro iniziato con la Regione per l’esternalizzazione del servizio urbano. Immediata e dura è stata la replica dell’assessore Biagi. “L’obiettivo primario resta l’esternalizzazione del servizio, come già affermato più volte ma la situazione dei trasporti, e soprattutto del personale dei trasporti, è stata dimenticata da molto tempo” sottolinea Biagi. “Noi, come amministratori, abbiamo il dovere di mantenere il servizio pubblico con dignità, soprattutto con le brave persone che lo supportano facendo turni difficili. Si tratta di dipendenti che, spesso, hanno dovuto mettere da parte i loro diritti pur di mantenere in piedi il numero delle corse – continua l’assessore – oggi stiamo riorganizzando il servizio pubblico dei cittadini, stiamo facendo un lavoro ordinario che forse andava fatto da tempo”. “Dov’era il consigliere Pingue lo scorso anno quando, a causa di guasti ai mezzi, ci sono stati gravi disservizi e non si sono potute effettuare corse neanche per il nostro nosocomio? O quando le vetture sono rimaste ferme per quattro giorni nel centro della Città? Abbiamo dimenticato per troppo tempo i problemi della nostra comunità ma soprattutto i problemi dei cittadini. Perché proprio oggi il consigliere Pingue si ricorda del servizio trasporti? Forse perché si sta lavorando per il bene comune o c’è altro che non sappiamo?” domanda l’assessore, con chiaro tono polemico e alludendo anche ai suoi predecessori. “Se l’obiettivo del consigliere Pingue è quello di affrontare e risolvere concretamente i problemi in essere, lo invito a collaborare fattivamente al mio fianco, rimboccandosi le maniche e dare finalmente un primo segnale di concretezza – conclude Biagi – questo è l’invito che gli rivolgo nel primario interesse della collettività, questo è ciò che mi aspetto da un consigliere giovane affinchè possa rappresentare un esempio positivo per tutti quelli della sua generazione. La città di Sulmona ha bisogno di soluzioni ai problemi, le sterili polemiche non hanno mai risolto nulla ma solo generato immobilismo amministrativo e disorientamento tra la gente. Mettiamoci a lavoro, tutti insieme, questo è il mio auspicio per Sulmona”.