IL FIGLIO SUBISCE UN FURTO, IL PADRE OFFRE TREMILA EURO AI LADRI PER RIAVERE IL BOTTINO

Il figlio ha subito un pesante furto e il padre offre ai malviventi la somma di tremila euro per riavere indietro oro, gioielli e altri oggetti rubati. La singolare iniziativa è dell’imprenditore sulmonese Gianfranco Maradei, che ha lanciato un appello ai ladri sul suo profilo Facebook. “Ieri 22 febbraio in Pratola Peligna in via Valle Madonna hanno rubato in casa di mio figlio. Mi rivolgo ai ladri che hanno operato il furto. Offro tremila euro per il recupero della refurtiva” ha scritto Maradei, precisando che il denaro sarà dato in contanti direttamente agli autori del furto o a qualsiasi persona in grado di far recuperare il bottino portato via dall’abitazione di via Valle Madonna. I ladri sono entrati in mattinata nell’abitazione derubata, forzando la porta d’ingresso e probabilmente trovando aperto o facendosi aprire il portone del condominio. Purtroppo nessuno dei vicini di casa sembra aver avvertito rumori sospetti né avrebbe notato persone estranee. “Questa è una offerta per recuperare la refurtiva alla quale mio figlio é legato per motivi affettivi – ha spiegato l’imprenditore – hanno depredato l’abitazione di oggetti come collane, orologi e altro ed in particolare doni che mio figlio aveva ricevuto per la prima comunione e per il matrimonio, sono quegli oggetti a cui ognuno di noi si sente sempre maggiormente legato”. Secondo Maradei l’offerta di tremila euro ai ladri è ottima perché quegli oggetti sul mercato della ricettazione vengono venduti ad un prezzo assai inferiore ai tremila euro. “Per chi volesse contattarmi può farlo chiedendo di me, Gianfranco, nella parrocchia di Cristo Re” ha concluso Maradei.