“IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SI DIMETTA”, LO CHIEDONO SEI CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA

Se da una parte si cerca il rattoppo del buco, dall’altra nuovi strappi arrivano dentro la maggioranza e questa volta nel mirino finisce il presidente del Consiglio comunale, Katia Di Marzio. Sei consiglieri comunali di maggioranza, Angelo Amori, Deborah D’Amico, Antonella D’Antino Settevendemmie, Franco Di Rocco, Andrea Ramunno e Luigi Santilli, chiedono l’immediata convocazione del Consiglio comunale straordinario ed urgente, proposta dal gruppo Pd e le dimissioni del presidente Di Marzio. “Assistiamo, ancora una volta, all’ingerenza politica perpetrata dal presidente del Consiglio – accusano i sei consiglieri – quest’ultimo invece di attivarsi nell’immediato per scongiurare l’ipotesi di un lungo commissariamento e quindi convocare il Consiglio entro il 24 febbraio, è burattino del suo compagno di merende Fabio Pingue, il quale ha pubblicamente affermato che non sarebbe contrario ad un lungo commissariamento”. “Insomma, il presidente del Consiglio, come sempre, è complice di qualcuno a discapito della città di Sulmona” aggiungono i sei consiglieri, ritenendo che con questa condotta il presidente debba dimettersi da un “ruolo che continua a disonorare poiché lo utilizza a suo piacimento”. “Diversamente ci troveremo costretti ad adire altre strade” avvertono i sei consiglieri.