IL TURISMO NATURA SU DUE RUOTE NEL LIBRO “IL MARE IN UN BICCHIERE” DI TOMMASO PAOLINI

Il turismo su due ruote, sulla bicicletta, attraverso lo sviluppo e l’incremento di una rete di ciclovie anche in Abruzzo è l’idea lanciata dal professore Tommaso Paolini, sulmonese e già docente di Economia del Turismo nella facoltà di Economia dell’Università dell’Aquila. Il professore, da sempre un appassionato di ciclismo e attento studioso e osservatore delle dinamiche dell’economia dell’Abruzzo interno, illustra la sua idea nel libro “Il mare in un bicchiere”, proponendo la strada del turismo natura, come opportunità da sfruttare per un notevole impulso al rilancio e sviluppo economico. Nel novembre del 2017 la Camera dei Deputati approvò un progetto di legge sullo sviluppo delle ciclovie in tutta Italia. “Da quel momento ho pensato che fosse maturo il tempo per uno sviluppo dell’Abruzzo basato proprio sulla rete delle ciclovie, come incentivo al turismo – spiega Paolini – penso che sia importante trasformare quello che è un elemento di debolezza della nostra regione, cioè lo spopolamento dei paesi e l’invecchiamento della popolazione, in elemento di forza, puntando proprio sul turismo, per valorizzare la natura e il paesaggio che sono nostre ricchezze”. Paolini ricorda che tra le principali ciclovie italiane c’è la Venezia-Lecce, che passa lungo la costa adriatica, toccando quindi anche l’Abruzzo. “Noi potremmo agganciarci a questa ciclovia e portare i cicloamatori nell’Abruzzo interno” sottolinea Paolini. “Il titolo il mare in un bicchiere l’ho scelto, perché della poesia si dice che sia capace di mettere il mare in un bicchiere – conclude il professore – io dico che la bicicletta ha la stessa capacità della poesia, può essere veicolo di sviluppo”. Il volume “Il mare in un bicchiere” è in vendita nell’edicola di piazza XX Settembre.