CARNEVALE SENZA CARRI, SALVATI PROTESTA CONTRO SINDACO E ASSESSORE BENCIVENGA

Carri di carnevale sacrificati alla “Mascherina d’Argento”. La decisione dell’amministrazione comunale motivata dalla carenza di fondi indispensabili a sostenere la tradizionale sfilata dei carri di carnevale lungo corso Ovidio provoca polemiche nella maggioranza. E Roberta Salvati, consigliere comunale, a proposito di Carnevale, non scherza. Fa sul serio. “Apprendo con disappunto e sdegno la decisione presa dal sindaco Annamaria Casini e dall’assessore alla Cultura Alessandro Bencivenga circa la cancellazione della sfilata dei carri allegorici di Carnevale, che quest’anno avrebbe festeggiato il cinquantesimo anno, e la riduzione dei fondi per la Mascherina d’argento – protesta il consigliere comunale – in questo modo si impoverisce l’offerta culturale, di intrattenimento, nonché un appuntamento che fa parte della tradizione della città di Sulmona, per bambini e famiglie. In questo modo si danneggiano gli organizzatori costretti a operare con pochi fondi e senza un’adeguata programmazione”. Ma Salvati non si ferma alla protesta.”Dispiace constatare poi che l’assessore e il sindaco mentono sapendo di mentire – continua – è da un anno che ho sollecitato l’amministrazione comunale per il 50esimo anno della sfilata dei carri allegorici evidentemente non hanno voluto organizzarsi in tempo”.  “Anche il problema economico sarebbe di facile superamento: la manifestazione non necessita di molto denaro si potrebbe coinvolgere qualche imprenditore e richiedere un sostegno per una manifestazione, quella del carnevale, sentita e partecipata dall’intera cittadinanza” conclude Salvati.