PUNTO NASCITA, BIANCHI: MINISTRO GRILLO CONVOCHI SUBITO CONFERENZA STATO-REGIONI

“Il ministro della Salute, Giulia Grillo, convochi con sollecitudine la conferenza Stato-Regioni per definire i nuovi parametri di rimodulazione dei punti nascita al fine di improntare la normativa nazionale ai dettami costituzionali”. L’appello al ministro Grillo viene lanciato dal consigliere comunale Elisabetta Bianchi che si dice anche convinta che il presidente della Regione, Marco Marsilio, “sia pronto ad interpretare le istanze della sanità nell’area del bacino di Sulmona perorando in ogni sede istituzionale la salvaguardia del punto nascita di Sulmona e programmando la modifica del piano sanitario regionale che veda l’ospedale di Sulmona inquadrato in un presidio sanitario di primo livello”. Bianchi, in relazione a quanto riportato da alcuni organi d’informazione, sottolinea anche che per ora non c’è nulla di nuovo “in quanto il documento di chiusura di cui si è parlato altro non è che il verbale della seduta dello scorso mese di ottobre del tavolo tecnico ministeriale del Comitato percorso nascita nazionale pervenuto solo ora in Regione Abruzzo”. Il consigliere comunale, non risparmiandosi la polemica, lancia frecciate al consigliere regionale Marianna Scoccia e l’ex assessore regionale Andrea Gerosolimo. “Se il punto nascita è ancora aperto si deve solo alla strenua resistenza di un gruppo di cittadini attenti e non certo all’allora assessore alle aree interne il quale si limitò a votare senza convinzione alcuna la risoluzione per la salvaguardia del punto nascita contro la sua maggioranza, a seguito di uno sforzo di persuasione notevole e dell’occupazione di mesi dell’aula consiliare del Comune di Sulmona da parte del comitato cittadino di salvaguardia del punto nascita” conclude Bianchi.