PINGUE: CON CASINI DISCORSO CHIUSO, ORA RAFFORZARE IL CENTROSINISTRA E DIALOGARE CON M5S

“Con l’amministrazione Casini il discorso è chiuso”. Sembra più deciso che in passato il consigliere comunale Fabio Pingue a staccare la spina dalla maggioranza civica e dalla giunta del sindaco Casini, dopo che la settimana scorsa, in piena vigilia elettorale, ha “sacrificato” il suo assessore Antonio Angelone, quasi a mandare un preavviso di sfratto all’amministrazione comunale. Intanto lo stesso Pingue, che subito dopo il deludente responso delle urne, ha detto di voler lavorare a rafforzare l’area di centrosinistra e di voler dialogare anche con il M5S, suggerisce, al sindaco, con tono di sfida, di provare a trovare una nuova maggioranza guardando all’opposizione di centrodestra, quella rappresentata in Consiglio comunale dai consiglieri Elisabetta Bianchi, uscita da Forza Italia e ora più vicina a Fratelli d’Italia e a Mauro Tirabassi, esponente del partito di Giorgia Meloni. Infatti se lo stesso Pingue e il presidente del Consiglio comunale, Katia Di Marzio, passano all’opposizione, una nuova maggioranza potrebbe nascere con l’ingresso dei due consiglieri di Fratelli d’Italia. “Del resto il sindaco Casini in campagna elettorale si è schierata apertamente con la candidata e ora consigliere regionale dell’Udc, Marianna Scoccia, quindi si è collocata nell’area del centrodestra” precisa il capogruppo di Avanti Sulmona. In giornata i consiglieri di minoranza potrebbero incontrarsi e questa volta, dopo rinvii e tentennamenti vari, decidere di procedere a dimissioni contestuali, decisive per lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale, qualora Pingue e il presidente del Consiglio comunale, Katia Di Marzio, decidessero di apporre la loro firma.