TENSIONI NEL DOPO PARTITA A PRATOLA, TRE TIFOSI NEROSTELLATI A RISCHIO DASPO

Sono stati individuati dai carabinieri i tre tifosi del Pratola che domenica scorsa al termine della partita con il Nereto hanno acceso tensioni con la tifoseria della squadra ospite, rendendo incandescente il dopopartita. Alcuni tifosi dei Nerostellati, delusi per la sconfitta per 2 a 1 maturata proprio negli ultimi minuti, hanno cercato di raggiungere i tifosi della squadra ospite per picchiarli. Sono stati momenti di alta tensione con i carabinieri impegnati a sedare gli animi. Alcuni tifosi pratolani dopo essersi tolte le cinte dei pantaloni hanno iniziato a utilizzarle a mò di fionda per colpire i rivali. Momenti caldi e di preoccupazione: il timore era che sotto la spinta dei tifosi la rete di recinzione potesse cedere e che le due fazioni venissero alle mani. A dire il vero qualche colpo proibito c’è stato tanto che i carabinieri sono intervenuti con decisione per bloccare i tifosi più scalmanati. Alla fine tre di loro sono stati identificati dai militari dell’Arma che ora stanno valutando se denunciare i giovani per danneggiamenti, visto che sia la rete di recinzione che altre parti dell’impianto sportivo sarebbero state danneggiate. Inoltre per i tre potrebbe scattare anche il Daspo, con il divieto di frequentare lo stadio per alcuni mesi. Ma che la partita con il Nereto fosse ad alto rischio lo si sapeva già dalla vigilia tanto che i carabinieri avevano preteso che i tifosi delle due squadre fossero sistemati nei due lati opposti del campo sportivo. Con le tribune dello stadio inagibili già da tempo, il timore era che alcuni ultras Nerostellati si intrufolassero tra i tifosi ospiti per far scattare la vendetta. La voglia di vendicarsi del trattamento subito all’andata, (i calciatori del Pratola erano stati pesantemente offesi dai tifosi del Nereto, per tutta la durata dell’incontro), era già stata manifestata da un paio di settimane tanto che anche gli stessi dirigenti della società nerostellata avevano chiesto maggiori controlli per la partita di ritorno. Timori che puntualmente si sono concretizzati. Per l’intera partita sono volati insulti pesanti ma tutto si sarebbe concluso pacificamente se la partita avesse avuto un esito diverso. In vantaggio per 1 a 0 fino a due minuti dalla fine, i Nerostellati si sono fatti prima raggiungere e poi superare, nel giro di tre minuti. Al gol della vittoria i tifosi ospiti hanno esultato in maniera un pò troppo veemente, arrampicandosi sulla rete di recinzione e sfottendo i rivali pratolani, i quali sentendosi colpiti hanno fatto scattare la rappresaglia.