PAGANO A CESA: INSINUAZIONI MALEVOLI E QUAGLIARIELLO:”CLANDESTINI A BORDO”

Il senatore Nazario Pagano, leader regionale di Forza Italia, replica alle dichiarazioni del segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, che a Sulmona ha confermato che sulle candidature del sindaco di Prezza, Marianna Scoccia e del consigliere regionale Mario Olivieri, come Marsilio anche i vertici del partito azzurro sapevano tutto.“Le offese personali e le insinuazioni malevoli non appartengono neppure lontanamente al repertorio di Forza Italia e men che meno a chi condivide i nostri valori di libertà, di confronto, di correttezza. In ogni occasione. Il complottismo appartiene invece a chi agita certi fantasmi per bassi usi strumentali e utilitaristici” precisa Pagano.“Non abbiamo avuto né cognizione diretta o indiretta né tanto meno alcuna informativa dall’Udc sull’inserimento in lista di candidature sulle quali era stata sollevata più di una legittima perplessità. Quanto sostenuto in queste ore dall’onorevole Lorenzo Cesa, quindi, non corrisponde affatto a verita”. Anche il deputato Gaetano Quagliariello, leader del movimento Idea, presente nella lista Udc, ieri nella manifestazione a Pescara. Il parlamentare ha parlato di “clandestini a bordo”, approvando la decisione del candidato presidente di non avere rapporti con l’Udc “né oggi né domani”. “In quella lista c’è anche la mia tradizione, liberale e cristiana, quella dei liberi e forti di don Luigi Sturzo – ha concluso Quagliariello – ma Sturzo non taroccava le liste di notte”.