CESA (UDC) AVVERTE: NON MI FACCIO PIEGARE DAI FASCISTELLI DELLA LEGA

Non accenna a placarsi la polemica nel centrodestra sull’Udc e a tenere acceso il fuoco della polemica è questa volta il segretario nazionale del partito scudocrociato, Lorenzo Cesa.“Io ho una dignità, non mi faccio piegare da questi quattro fascistelli che stanno nella Lega”, ha dichiarato Cesa, sottolineando che nessuno può imporre al suo partito come fare le liste né può arrogarsi il diritto di veti e pregiudiziali su singoli candidati. “Sono veti inaccettabili” ha tagliato corto Cesa. Peraltro il leader scudocrociato mostra di non essere preoccupato più di tanto dell’esclusione dell’Udc dalla coalizione di centrodestra annunciata dal candidato presidente Marco Marsilio. “Se otterremo seggi non ci vorrà in giunta? – ha aggiunto Cesa – poi vedremo quanto dura, intanto pensasse a vincere”. Invece il leader Dc, Gianfranco Rotondi, annuncia che in una prossima conferenza stampa svelerà particolari inediti della vicenda delle candidature dello scudocrociato ed in particolare del caso Scoccia.