PROTESTA DI S.SILVESTRO CONTRO I RINCARI DEI PEDAGGI, PRESIDIO DI SINDACI AL CASELLO L’AQUILA OVEST

Il clima rigido dell’ultimo giorno dell’anno e l’imminenza della notte di S.Silvestro non hanno fermato la protesta dei sindaci abruzzesi e laziali contro il caro-pedaggi. Dalle prime ore di questa mattina i sindaci, con le fasce tricolori insieme agli automobilisti e agli autotrasportatori dei Comuni attraversati dalle autostrade A24 e A25, sono mobilitati nel presidio al casello dell’Aquila Ovest contro il rincaro dei pedaggi, che da domani 1° gennaio 2019, sarà in vigore, con un 19% di maggiorazione, se nulla dovesse cambiare prima della mezzanotte. Le trattative tra Ministero dei Trasporti, Strada dei parchi e Anas vanno avanti ad oltranza per tentare di bloccare gli aumenti sino a marzo. Ma ai sindaci non bastano blocchi a tempo determinato del rincaro delle tariffe. I sindaci chiedono soluzioni definitive, a cominciare dalla modifica del meccanismo degli aumenti dei pedaggi. Soprattutto in vista di questo obiettivo i sindaci hanno deciso di occupare simbolicamente il casello di L’Aquila Ovest. E’ fondamentale sia scongiurare il rincaro dei pedaggi, sia continuare a lavorare per rivedere il meccanismo automatico che porta a rincari annuali, in alcune tratte considerate autostrade di montagna pur senza averne i requisiti effettivi. Novità che potrebbero dare una svolta alla giornata sono attese intanto anche dall’Anas per la sterilizzazione degli aumenti incombenti.