GIORNATA SOLIDALE, IL VESCOVO: SULMONA ALZATI, METTITI IN CAMMINO VERSO IL FUTURO

“Sulmona alzati e mettiti in cammino”. Questa l’esortazione pronunciata oggi pomeriggio dal vescovo Michele Fusco nell’omelia tenuta durante la celebrazione della santa messa per la Giornata Solidale indetta dal Comune e dall’associazione Giostra Cavalleresca, in preparazione della trasferta delle associazioni culturali e sociali della città e del comprensorio in piazza S.Pietro, dove nella festa dell’Epifania, il 6 gennaio 2019, si svolgerà la manifestazione “Viva la Famiglia”. Prendendo spunto dal vangelo proposto dalla liturgia nell’ultima domenica d’Avvento il vescovo ha invitato i sulmonesi e tutti i cittadini del comprensorio a ritrovare coraggio e speranza, aprendosi al futuro. “Come Maria che attraversa le montagne per andare dalla cugina Elisabetta, con Gesù nel grembo, anche noi mettiamoci tutti insieme in cammino per superare ogni difficoltà – ha proseguito il vescovo – davanti alle situazioni difficili non dobbiamo fermarci e non dobbiamo dare retta a profeti di sventura”. Un messaggio raccolto subito dal presidente onorario della Giostra Cavalleresca, Domenico Taglieri, che al termine della celebrazione religiosa, ringraziando il vescovo per le sue parole, ha auspicato che il nuovo anno possa dare una spinta nuova alla città e al Centro Abruzzo. “Prendiamo esempio dai nostri amici della famiglia Di Lorenzo – ha sottolineato Taglieri – da un fatto di grande dolore stanno mettendo su un progetto, in memoria di Fabrizia, che ci apre tutti alla speranza, donando luce perfino dopo un evento tanto drammatico”. Taglieri esaltando il valore della manifestazione in piazza S.Pietro, che vedrà tutti uniti nel nome di Sulmona e del Centro Abruzzo, ha spronato istituzioni e cittadinanza a lavorare per la rinascita della città e del comprensorio, cominciando dalla valorizzazione del prezioso patrimonio di cultura rappresentato da figure eminenti come Celestino V e Ovidio e da luoghi della memoria, come il Campo 78 di Fonte d’Amore e l’area archeologica del Morrone. “Dobbiamo lavorare con spirito costruttivo e unitario a progetti di rinascita e di rilancio, non cedere alla tentazione di perdere la speranza, lo faremo e ce la faremo” ha concluso il presidente onorario della Giostra. Alla cerimonia hanno partecipato anche il sindaco Annamaria Casini e il presidente del Consiglio comunale, Katia Di Marzio. Particolarmente suggestive sia la testimonianza degli scout dell’Agesci che hanno consegnato nelle mani del vescovo la Luce di Betlemme, simbolo natalizio sia i musici della Giostra Cavalleresca che all’uscita dalla messa hanno reso omaggio alla Giornata Solidale al suono di tamburi e chiarine.