REGIONALI A MAGGIO, EMENDAMENTI M5S PRIMA PRESENTATI POI RITIRATI

Il Movimento Cinque Stelle fa marcia indietro sull’ipotesi di un rinvio delle elezioni regionali a maggio. Infatti è stato prima presentato e poi subito ritirato l’emendamento alla legge di stabilità per proporre l’accorpamento delle elezioni regionali a quelle Europee. Tra i firmatari dell’emendamento figuravano Daniele Pesco, presidente della commissione Bilancio e Stefano Patuanelli, capogruppo al Senato, del M5S. Dunque l’ipotesi che sembrava allettare in questi giorni un po’ tutti i raggruppamenti in lizza, da destra a sinistra, si è infine risolto in un nulla di fatto. Oltretutto uno slittamento dell’appuntamento con le urne non era in linea con quanto dichiarato e voluto dallo stesso M5s. Infatti, in più di un’occasione, i pentastellati guidati dalla candidata alla presidenza della Regione, Sara Marcozzi, hanno dichiarato che uno slittamento ulteriore delle elezioni avrebbe provocato solo conseguenze negative, soprattutto condannando alla paralisi le attività della Regione, a tutto danno dei cittadini.