CARO-PEDAGGI E SICUREZZA, I SINDACI TORNANO A ROMA: PROTESTA AD OLTRANZA

Mentre Strada dei Parchi tenta di scongiurare l’aumento dei pedaggi autostradali, in vigore dal prossimo 1° gennaio, domani, 13 dicembre, i sindaci e gli amministratori dell’Abruzzo e del Lazio torneranno ancora nella Capitale, per continuare ad oltranza la battaglia contro il caro-pedaggi e per la sicurezza dell’A24-A25. “Siamo amareggiati e stanchi del silenzio del Ministero dei Trasporti, vogliamo siano presi impegni chiari e precisi, a beneficio delle autostrade abruzzesi e dei cittadini utenti, per questo torniamo a manifestare a Roma” fanno sapere i sindaci, che intendono dar vita ad una protesta democratica e civile, lontana da strumentalizzazioni di sorta ma trasparente nei suoi obiettivi: scongiurare l’aumento ennesimo dei pedaggi e ottenere sicurezza per la circolazione sulle autostrade. Nell’ultima manifestazione a Roma, il 6 dicembre scorso, i sindaci non sono stati ricevuti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ma in una nota diramata nel pomeriggio di quel giorno il Ministero fece sapere ai sindaci che già un primo finanziamento di 50 milioni di euro a supporto di tre progetti di messa in sicurezza delle autostrade abruzzesi sono alla firma del ministro dell’Economia.