LE UTOPIE DEL RICORDO, MOSTRA DI CLAUDIO CANTELMI AL MAW

Sarà inaugurata sabato prossimo, 1 dicembre, alle 17,30 la mostra personale di Claudio Cantelmi, “Lost-Found Utopie del ricordo”. L’esposizione sarà allestita nel Laboratorio d’arte MAW Men Art Work, in via Morrone, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila e curata da Italia Gualtieri con testi critici di Manuela De Leonardis e Marcella Cossu. La mostra propone una scelta di circa venti opere tratte dagli ultimi cicli “Intime Architetture”, “Memorie”, “PGR – Per grazia ricevuta”, tracciando un profilo della poliedrica ricerca dell’artista abruzzese, romano di adozione, che attraverso media differenti come la fotografia, l’installazione, l’assemblage, la scrittura, indaga e dialoga con i temi del tempo e della memoria. Alla cerimonia  inaugurale interverranno Domenico Taglieri, Presidente Fondaq s.r.l. di Fondazione Carispaq, Marcella Cossu, Storico dell’Arte della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, Italia Gualtieri, Direzione artistica Laboratorio d’arte MAW. Il vissuto, l’oblio, la pratica e la ragione del ricordare sono i concetti sui quali opera il lavoro di Claudio Cantelmi. Attingendo a memorie personali, fotografie di cui è autore accanto ad altre tratte dall’album di famiglia, o a reminescenze “catturate” in rete, l’artista esplora la perdita e l’assenza, la sostanza impalpabile degli affetti, la fugacità del momento, con la cura di un gesto che al di là di una intimizzazione del ricordo, è azione che genera connessioni, attivando nel nostro sguardo nuove visioni.