LEGA, I DIRIGENTI SULMONESI: CONTRO DI NOI ATTACCO IGNOBILE

“Il Coordinamento cittadino della Lega Sulmona, stigmatizza gli ignobili attacchi e le fuorvianti notizie riportate in alcuni articoli di stampa su presunti divorzi all’interno della Lega e su presunti canali di dialogo attivi con il “civico” Andrea Gerosolimo”. E’ molto dura la reazione del coordinamento sulmonese della Lega sulle notizie riportate da alcuni organi di stampa e che senza mezzi termini vengono definite “false” e “che non fanno onore a chi le ha scritte, così come a chi le ha suggerite, un bieco tentativo di spargere veleno all’interno della Lega ma che la stessa respinge con fermezza, difendendo il proprio coordinatore territoriale Fabio Federico e tutti i vertici del partito”. “Giova ricordare che Federico è stato l’ultimo sindaco a portare risultati concreti in questa disastrata città governata dal nulla dopo la fine della sua consiliatura. Giova ricordare che i 64 alloggi del Contratto di quartiere, il nuovo ospedale, la messa in sicurezza del Teatro Caniglia, i lavori del Liceo Vico, il progetto del nuovo plesso scolastico, tutti i progetti definitivi dell’intero patrimonio scolastico sono soltanto alcune delle opere fatte e finanziate dall’ex sindaco” prosegue il coordinamento sottolineando che “Federico ha dato ancora disponibilità, con spirito di servizio, ad una sua eventuale candidatura alle regionali così come qualche altro iscritto alla Lega. Gli altri nomi ipotizzati sono frutto di un lavoro di inclusione e di allargamento della base, ma occorre ricordare che tutte le decisioni in merito, verranno prese dai vertici provinciali e regionali”. Secca e altrettanto dura la smentita su presunti rapporti con l’ex assessore regionale civico Andrea Gerosolimo, definito “nemico politico della Lega”. “Il nostro parlamentare Luigi D’Eramo in più occasioni pubblicamente ha dichiarato che dove ci sarà Gerosolimo non ci sarà la Lega e, pertanto, le ipotesi fatte sono tutte illazioni gratuite che nascondono ben altri scopi: voci e soffiate fatte alla stampa da personaggi di secondo piano – concludono i dirigenti cittadini della Lega – la Lega è un partito aperto e trasparente ma determinato e pronto ad estirpare dal proprio interno tutti i personaggi che per interessi personali pensano di ostacolarne il cammino o peggio ancora di infangare il partito stesso ed i suoi dirigenti”.