PETTORANO RIEVOCA LE NOZZE CHE CAMBIARONO LA SUA STORIA

Per due giornate, nello scorso fine settimana, Pettorano sul Gizio ha vissuto il ritorno ad un’atmosfera medievale. La rievocazione del matrimonio tra Margarita de Corbano e Restaino Cantelmo ha animato strade e piazze del centro peligno, riproponendo la cerimonia delle nozze che nel 1310 sancirono il passaggio del Castello di Pettorano ai Duchi di Popoli. Ad affollare il centro storico decine di figuranti, gruppi storici, sbandieratori, musici,danzatrici,falconieri,mangiafuoco. Il matrimonio, che segnò una tappa storica per il paese, è stato preceduto dall’arrivo, a Porta S. Nicola, del principe Cantelmo accolto dalla popolazione festante e arrivato fino al Castello medievale accompagnato da un lungo corteo. Nel castello Restaino ha incontrato la futura sposa. Questo quanto avvenuto nel pomeriggio di sabato scorso. La Cena medievale, è stata animata dagli spettacoli di danza curati da Marina Schiavo, dai fuochi dell’artista Faisca de Luz, dal volo di rapaci di Alessandro Vicini e da appassionanti giochi di magia. La mattina di domenica si è svolto il corteo della sposa, avviatosi dal Castello incontro al corteo dello sposo che ha preso le mosse dal palazzo Castaldina. L’atteso incentro tra gli sposi è avvenuto in piazza Maggiore dove è stato celebrato il matrimonio. Poi i momenti culminanti della rievocazione con gli spettacoli di sbandieratori, musici, danzatori, mangiafuoco e falconieri che hanno animato il lauto banchetto nuziale. Tra i protagonisti i figuranti del Borgo di Santa Maria della Tomba e del Sestiere di Porta Japasseri. Infatti la suggestiva rievocazione, ricca di momenti emozionanti,  inserita nel progetto Marsica Medioevale che vede coinvolti sette comuni, ha avuto l’adesione della Giostra Cavalleresca di Sulmona, del Gruppo Storico Città di Popoli, del Centro Studi Carlo D’Angiò e di sponsor privati. Nè potevano mancare all’appuntamento con le nozze medievali i Rota Temporis, che con il loro repertorio in piena sintonia con il clima degli eventi, hanno accompagnato l’intero evento. Le coreografie sono state curate da Umberto Malvestuto, la regia è stata affidata ad Antonio Del Beato Corvi. Gran Cerimoniere delle nozze è stato Ezio Cardinale. Il vescovo Landolfo, impersonato da Giuseppe Colarocco, ha celebrato il rito nuziale per Maria De Panfilis, che ha indossato i panni di Margarita de Corbano e Sergio Ottoni, nei panni di Restaino.

FOTOSERVIZIO CURATO DA ANGELO D’ALOISIO