ARTI OCCULTE E ATMOSFERE MISTICHE NELLA NOTTE MAGICA DI INTRODACQUA

Arti occulte e mistiche atmosfere hanno caratterizzato la terza edizione de ‘La Notte Magica’ di Introdacqua (L’Aquila). In un palcoscenico suggestivo alcuni operatori olistici sono stati pronti ad ‘assistere’ l’anima dello spettatore con le loro abilità, tutte diverse, che affondano le radici in un passato lontano, alla ricerca di un’armonia fra corpo e anima che da sempre l’uomo sogna. La terza edizione si è dipanata dal centro del paese verso via Piana, una vicina parallela del corso principale che si apre dietro una delle porte del Borgo, con una scenografia naturale esaltata dalle luci e da una colonna sonora dolce e ipnotica che è scaturita a volte dall’accompagnamento musicale del violino suonato da Alessandro Settevendemmie altre da punti musicali nascosti fra drappi e luci di fiaccole e lanterne. I partecipanti sono stati catapultati in un ambiente contemplativo ed esoterico grazie anche alle conferenze tenute da esperti del settore.Paola Cafarelli che ha spiegato ‘il significato esoterico dei tarocchi’, Rodolfo Palermo con il tema ‘Pittore dell’anima: viaggio nell’economia e nelle sue fasi’, Antonio Masella che illustrato la possibile correlazione tra ‘Astrologia e medicina’, Stefano Silvestri con la tematica ‘Costellazioni familiari: come guariscono l’albero genealogico’ e Tiziana Vicino che si è soffermata su ‘L’energia e l’infinito: il potere dell’universo’. La novità di quest’anno è stata uno spazio dedicato totalmente ai bambini con un laboratorio didattico e interattivo e la presenza di stand gastronomici. La Pro Loco di Introdacqua ha promosso in esclusiva per la Valle Peligna questo evento grazie al lavoro del presidente Mirella Palmisano e alla direzione artistica di Patrizia Gabriele.