BIMILLENARIO OVIDIANO, LA SENATRICE DI GIROLAMO REPLICA A PEZZOPANE

“Siamo alle solite. Leggi tardive a cui ora noi, come governo, dobbiamo correre dietro a causa dell’inerzia politica promossa proprio da chi, con quella legge, si è innalzato a salvatore della patria. Peccato che tra il dire e il fare, come sempre, c’è di mezzo il mare. E troppo spesso è un mare di parole e proclami a cui segue pressoché il nulla”. Arriva a stretto giro di posta la risposta della senatrice Gabriella Di GIrolamo alla deputata del Pd Stefania Pezzopane sulla querelle che si è aperta attorno ai 700 mila euro destinati con una legge dello Stato al Bimillenario Ovidiano. “Anziché ringraziare coloro che oggi provvedono a dar seguito ad una legge dello Stato entrata in vigore il 10 febbraio 2018, evidentemente dimenticata dalle parti proponenti (ovvero le allora senatrici Pezzopane e Pelino) nella fase di ordinaria amministrazione e cioè fino all’insediamento del nuovo governo avvenuto a giugno 2018, la deputata aquilana preferisce continuare a confondere l’elettorato con notizie mistificanti e sconclusionate”, afferma la senatrice sulmonese. “Infatti la Pezzopane ed il suo governo, in carica per gli affari correnti fino a maggio 2018, dopo aver approvato la legge, hanno successivamente “dimenticato Ovidio”, facendo cadere nel nulla tutto lo spirito di operatività bipartisan dimostrato e riemerso improvvisamente in questi giorni. Fa sapere, la solerte Pezzopane, di un emendamento di proroga dei termini per la rendicontazione delle spese per il bimillenario, depositato a sua firma nel cosiddetto Decreto Milleproroghe. Prescindendo dal fatto che, come dovrebbe ben sapere, il milleproroghe é  un decreto urgente che si concentra sulla proroga di termini già  scaduti o molto prossimi alla scadenza, e non è  il caso della legge sul Bimillenario, mi domando: che senso ha una proroga dei termini se il comitato, previsto dalla legge in oggetto, non si è ancora costituito? Abbiamo dimostrato massima disponibilità a fronte di un atteggiamento di  sterile polemica condotta con tutte le risibili armi di cui la Pezzopane dispone – incalza Di GIrolamo – ella dichiara che la risoluzione adottata nell’incontro di ieri a Roma presso l’ufficio del sottosegretario Gianluca Vacca si sia data in contrasto con le mie posizioni, cosa che escludo nella maniera più assoluta poiché tale incontro è stato possibile proprio grazie alla fitta collaborazione tra la sottoscritta ed il sottosegretario che ringrazio nuovamente per aver ascoltato,  come prerogativa del nostro Movimento, le legittime istanze del territorio e di una città.  Un territorio che si augura fortemente che la deputata Pezzopane – conclude la senatrice Gabriella di Girolamo – impieghi tutte le forze di cui dispone, indirizzandole alla concretezza e alla realizzazione del progetto, anziché disperderle in futili polemiche che di politico hanno ben poco”.