ECONOMIA, L’ABRUZZO IN CINQUE ANNI HA PERSO OLTRE QUATTROMILA IMPRESE ARTIGIANE

In cinque anni l’Abruzzo ha perso oltre quattromila imprese artigiane. Il dato allarmante, che delinea una situazione economica ancora difficile per l’Abruzzo, emerge dallo studio del sulmonese Aldo Ronci. “Ogni chiusura è un danno economico per il territorio, ma anche una perdita di saperi, competenze e mestieri. Abbiamo avanzato una serie di proposte alla Regione, che però non ha investito neanche un euro sui nostri progetti per rilanciare l’artigianato” ha commentato Savino Saraceni, presidente regionale di Cna, lanciando l’allarme sulla crisi del comparto in Abruzzo, certificata dallo studio compiuto su dati Movimprese. Lo studio rivela che negli ultimi cinque anni, l’insieme delle imprese attive sia diminuito di 4.206 unità, passando da 131.072 del 2012 a 126.866 del 2017, evidenziando una flessione del 3,21%, valore doppio rispetto all’1,71% nazionale. Nel 2017 il saldo tra nuove iscrizioni delle imprese e cancellazioni mette in luce un incremento di 563 unità, che si traduce una crescita dello 0,38%, più modesta rispetto al dato nazionale dello 0,75% con un decremento di 4.458 unità, quindi con una flessione del 12,77% (contro il -7,73% a livello nazionale).