RETE SALVA-TRIBUNALI, CHIAVAROLI: PROGETTO NELLA DIREZIONE GIUSTA MA DA COMPLETARE

“La strada è quella giusta, quella di trovare un modo per tenere aperte tutte le sedi giudiziarie a rischio, Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto, ma il progetto di rete va completato”. Il sottosegretario alla Giustizia, Federica Chiavaroli, candidata al senato nel collegio uninominale Chieti-Pescara, in un incontro tenuto con una rappresentanza di iscritti al circolo cittadino del Pd, oggi pomeriggio, ha detto la sua sul progetto di rete funzionale tra i tribunali abruzzesi a rischio. Il progetto è stato lanciato giorni fa dal presidente del Tribunale di Sulmona, Giorgio Di Benedetto e dal procuratore della Repubblica, Giuseppe Bellelli. “Tutti e quattro i tribunali, come ho detto già in altre occasioni, difficilmente resteranno aperti – ha precisato il sottosegretario – va bene la rete per tenerli aperti ma non possiamo sfuggire alla responsabilità di indicare quale sia la sede effettiva. Spero che queste città possano restare sedi di tribunale tutte e quattro ma mi auguro che la politica e le categorie interessate facciano la loro parte per completare quel progetto che va nella direzione giusta ma va completato, perché manca di un pezzetto”. Quindi il sottosegretario ha ricordato che la proroga a beneficio del tribunale di Sulmona porta la sua firma, rivendicando anche il proprio impegno per i progetti a sostegno della scuola di formazione della polizia penitenziaria e per il carcere. “Anche questi sono presìdi pubblici che contribuiscono a sostenere l’economia della città e del territorio” ha sottolineato la senatrice Chiavaroli. Ma il Centro Abruzzo deve puntare anche sullo sviluppo ecosostenibile, partendo dal modello di turismo invernale che caratterizza stazioni sciistiche di primo piano come Roccaraso. “L’industria del turismo è sicuramente la più grande risorsa posseduta da questo territorio – ha continuato il sottosegretario – in questa stagione il turismo in montagna ha avuto un grosso incremento, grazie alla progettualità che questo territorio è stata capace di mettere in campo. Quest’area ha saputo progettare e spendere i fondi pubblici, facendo investimenti importanti, grazie ai quali abbiamo il terzo innevamento artificiale d’Europa, impianti moderni e funzionanti. Questo favorisce il nostro turismo ed è una progettualità da mettere in campo in tutti i settori”.