PD, TREGUA ELETTORALE DOPO LO SCONTRO SULLA CASA SANTA (video)

E’ tregua elettorale nel Pd. Ma il direttivo riunito questa sera non ha risparmiato momenti di tensione e scambi di accuse nel circolo cittadino, provocati dalle perplessità e dai malumori suscitati dalle recenti nomine all’ente Casa Santa dell’Annunziata. Sotto accusa è finito il capogruppo consiliare Antonio Di Rienzo, portatore d’interesse e come tale componente dell’assemblea della Casa Santa dell’Annunziata, espressione della minoranza di palazzo S.Francesco. Il presidente del circolo, Sandro De Panfilis, ha rimproverato a Di Rienzo e quindi anche al consigliere comunale Bruno Di Masci di aver dato via libera alle nomine senza coinvolgere il partito di appartenenza. Un’accusa respinta dagli interessati che hanno precisato come le nomine siano espressione non di una sola parte ma di tutti gruppi della minoranza consiliare. Come pure nel mirino di De Panfilis e della sua componente dem è finita la ventilata nomina, da parte della Regione, del nuovo presidente della Casa Santa dell’Annunziata, l’avvocato Armando Valeri. Anche in questo caso Di Masci però ha respinto le critiche di De Panfilis ricordando che la nomina del presidente viene direttamente dall’assessore regionale Sclocco e quindi dalla giunta regionale, non da esponenti della politica cittadina. De Panfilis in effetti non nasconde il sospetto di accordi che aprirebbero nuovi scenari a palazzo S.Francesco e di cui le ultime nomine alla Casa Santa non sarebbero altro che la “prova generale”. “Per ora è tregua, abbiamo chiarito quel che c’era da chiarire” ha tagliato corto Sergio Dante, segretario del circolo cittadino Pd, ricordando che “ora è il momento di affrontare nel massimo di coesione e unità la battaglia elettorale, che non si annuncia facile”. Prima dell’inizio del confronto nel direttivo De Panfilis aveva chiarito a Reteabruzzo i motivi della riunione. “C’è la vicenda della Casa Santa i cui contorni vogliamo capire e su di essi confrontarci – ha spiegato il presidente del circolo – anche sulla ventilata nomina dell’avvocato Armando Valeri come presidente dell’ente abbiamo l’esigenza di capire”.