BALASSONE (SBIC): HO PROPOSTO AUDIZIONE DEI COMITATI, LA MAGGIORANZA NON HA VOLUTO

“Le tensioni esplose in aula consiliare con i comitati ambientalisti delusi di non essere stati ascoltati potevano essere evitate se la maggioranza avesse accolto la mia proposta di audizione, presentata in sede di conferenza dei capigruppo”. A dichiararlo è il consigliere comunale Maurizio Balassone, capogruppo del movimento Sbic, a proposito di quanto accaduto nell’aula di palazzo S.Francesco, a conclusione dell’ultima seduta e dopo che il Consiglio ha votato all’unanimità la decima delibera contro il progetto di centrale Snam. “Nessuno può negare la verità dei fatti – precisa Balassone – in sede di conferenza dei capigruppo, proprio alla vigilia di una seduta consiliare che si preannunciava tesa, ho proposto alla maggioranza ed in primis al presidente dell’assemblea civica, Katia Di Marzio, l’audizione di un rappresentante dei comitati cittadini ambientalisti, proprio per rendere ancor più partecipata la decisione e per ascoltare la voce di cittadini che da anni lottano contro la centrale e il gasdotto”. Ma sia la presidente che la maggioranza hanno respinto la proposta. “Quindi non è vero sostenere che nessuno avesse pensato all’audizione dei comitati ambientalisti – conclude il capogruppo Sbic – si sarebbero evitate tensioni e oltretutto ne sarebbe venuta fuori una partecipazione, la più larga possibile, ad una delibera importante su questo delicato nodo della centrale Snam”. Invece si è provocata una lacerazione tra istituzioni e comitati cittadini, che sicuramente non fa bene ad una lotta che investe l’intera cittadinanza e tutto il comprensorio del Centro Abruzzo, al di là di appartenenze e schieramenti.