A CENA CON BERLUSCONI MA IL SINDACO SCOCCIA RIFIUTA LA CANDIDATURA ALLE POLITICHE

A cena con il presidente Silvio Berlusconi, sul tavolo la candidatura alla Camera dei Deputati ma il sindaco di Prezza, Marianna Scoccia, ha rifiutato, sia pure “a malincuore”. Non per scelta politica ma soltanto per motivi d’impegno familiare. Il sindaco, consorte dell’assessore regionale Andrea Gerosolimo, non sarà quindi candidata nelle prossime elezioni politiche. Le voci sull’ipotesi di candidatura per il primo cittadino di Prezza, nelle liste di Forza Italia, si rincorrevano già da settimane. “Reteabruzzo”, tre giorni fa ha pubblicato l’indiscrezione trapelata dagli ambienti politici sulmonesi. L’ipotesi cominciava a prendere corpo, suffragata anche dalla levata di scudi venuta da alcuni settori del centrodestra, soprattutto da esponenti di Forza Italia e Lega, che avevano visto vacillare anche le loro ambizioni. “Berlusconi guarda al sodo, guarda ai voti – ha precisato il sindaco – sapeva quindi che anche per la mia storica appartenenza al centrodestra e per la mia esperienza amministrativa avrei potuto contare su un consistente patrimonio elettorale”. “La mia candidatura, nonostante quel che ho sentito e letto in questi giorni, è esclusa – ha confermato il sindaco – ho rifiutato perché un impegno parlamentare mi avrebbe portato lontano dalla famiglia e sono madre di due bambini che hanno bisogno della mia presenza quotidiana”.