COGESA, CACCIA E MULTE SALATE A CHI ABBANDONA RIFIUTI IN STRADA

Troppi disservizi hanno segnato l’avvio della raccolta differenziata estesa all’intera città con proteste arrivate da tutte le parti per una comunicazione carente  da parte del Cogesa a detta di tanti utenti. Ma anche per le cattive abitudini di numerosi  cittadini che pur trovando i cassonetti pieni hanno abbandonato i rifiuti in strada perfino quelli ingombranti, come poltrone, lavatrici e frigoriferi, creando vere e proprie discariche a cielo aperto. Ora il Cogesa corre ai ripari e in un comunicato stampa avverte che dalla prossima settimana fioccheranno multe salate per tutti gli utenti che non osserveranno le regole.
Saranno intensificati quindi i controlli della polizia municipale contro l’abbandono dei rifiuti in strada. “Il servizio, allargato a tutta la città dal 2 gennaio, prevede di togliere i cassonetti dalle strade entro questa settimana, per un maggiore decoro urbano”, fanno sapere dal Cogesa.
Proprio come accadde nel 2012 in occasione della partenza del porta a porta in centro storico, vigili urbani in borghese controlleranno le strade cittadine, alla ricerca di eventuali trasgressori. In particolare, i controlli saranno intensificati sulle zone più periferiche della città, dove il fenomeno delle discariche abusive è maggiormente presente.
“Per l’inciviltà solo di alcuni ne va dell’immagine di un’intera città”, interviene l’amministratore unico di Cogesa SpA, Vincenzo Margiotta, “il 2 gennaio abbiamo dovuto fronteggiare un lavoro straordinario, con le persone che hanno gettato vicino ai cassonetti di tutto. Siamo, comunque, fiduciosi perché stiamo già vedendo che, dopo l’emergenza delle prime ore, le cose stanno migliorando sensibilmente”. Secondo il Cogesa, in corrispondenza dell’avvio della raccolta porta a porta in tutta la città sarebbero state 49 le tonnellate di rifiuti ritirate solo il 2 gennaio, a fronte delle 25 di media. “un dato che testimonia il lavoro straordinario svolto da Cogesa SpA coi suoi 21 operatori e 16 mezzi impiegati solo sul porta a porta di Sulmona”, sostengono dal Cogesa. “Di fianco ai cassonetti sono stati abbandonati materassi, mobili, resti di cantieri edili, elettrodomestici e quant’altro.
Proprio per mettere fine a questo fenomeno   – che si verifica solo sulle strade di Sulmona e non negli altri Comuni partiti in contemporanea col porta a porta – i controlli della polizia municipale saranno intensificati dalla prossima settimana concludono dal Cogesa – Gli eventuali trasgressori saranno puniti con una sanzione amministrativa che va da 25 a 500 euro (in base all’articolo 7 bis del decreto legislativo 267 del 2000).
Per evitare le multe basta chiamare il servizio gratuito di ritiro ingombranti al numero verde 800.012.490”.