PRIMA VITTORIA DEI NEROSTELLATI IN SERIE D

Finalmente Nerostellati. Al diciassettesimo tentativo è arrivata la prima storica vittoria dei pratolani in Serie D. A farne le spese è il Fabriano Cerreto, che alza bandiera bianca al Pallozzi perdendo per 2-1 nonostante la doppia superiorità numerica per le espulsioni di Maghzaoui e Iacobucci. Prima Del Gizzi in acrobazia, e poi Pacella su rigore, fanno gioire i peligni. Nel secondo tempo è la realizzazione dagli undici metri di Zuppardo a riaccendere le speranze marchigiane. Una partita giocata in maniera eroica dai Nerostellati, e vinta come solo una squadra di veri gladiatori poteva fare, riaccendendo una piccola fiammella di speranza nella corsa salvezza. Gli uomini di Di Marzio devono fare a meno di Vitone. A portare la fascia di capitano è Pacella, vero condottiero in campo, capace di sobbarcarsi sulle spalle tutta la squadra. I peligni partono forte, scaldando le mani a Monti dopo appena sette minuti con una conclusione di Iacobucci. Poco prima della mezz’ora Del Gizzi manda clamorosamente alto a due passi dalla linea di porta un assist di Pacella. Il terzino avrà il tempo di farsi perdonare cinque minuti più tardi. Ancora un cross di Pacella dalla trequarti e Del Gizzi in sforbiciata batte Monti e porta in vantaggio i Nerostellati. Ai pratolani basta controllare la gara. Il Fabriano, infatti, non ha mai dato l’impressione di rendersi pericoloso dalle parti di parente, ma al 38’ la partita cambia. Zamagni viene richiamato dal suo assistente Spagnolo, che segnala al direttore di gara un colpo proibito di Maghzaoui ai danni di Piergallini. L’arbitro cesenate non esita ad estrarre il rosso nei confronti del centrale pratolano. I Nerostellati, rimasti in dieci, non si scompongono, anzi, trovano il raddoppio proprio allo scadere della prima frazione: Labriola cintura Di Ciccio in area marchigiana, Zamagni indica il dischetto e dagli undici metri Pacella pennella un cucchiaio imprendibile per Monti. Al rientro dagli spogliatoi subito un cambio per parte. Kone rileva Bruni, mentre nel Fabriano è Compagnucci a lasciare il campo per Zepponi. I Nerostellati reggono l’urto dell’assalto ospite fino al quarto d’ora della ripresa. Dopo un batti e ribatti in area, Iacobucci si sostituisce a Parente e para sulla linea di porta un tiro destinato in rete. Rosso diretto, pratolani in nove e calcio di rigore realizzato da Zuppardo. Da qui in poi i Nerostellati serrano i ranghi. Gli assalti del Fabriano si arrestano davanti alla diga alzata da Bitsindou e Di Ciccio, mentre a buttarsi nella battaglia sono Pacella e Del Gizzi che spendono tutto quello che hanno in corpo per aiutare i compagni. Il Fabriano cerca la rete con la forza della disperazione, e al 90’ è Piergallini a sciupare la palla del 2-2 calciando sul palo. I Nerostellati, con cuore, anima e grinta, si chiudono a testuggine e al momento del triplice fischio possono urlare la loro gioia tra fango e pioggia. I pratolani tengono viva la loro corsa per la salvezza, e scrivono una breve ma importante pagina della loro storia.

NEROSTELLATI-FABRIANO CERRETO 2-1

NEROSTELLATI: Parente, Bitsindou, Del Gizzi, Di Ciccio, Iacobucci, Giallonardo, Bruni (1’st Kone), Pacella, Cicconi ( 14’ st Puglielli), Onwuachi, Maghzaoui. A disp.: Di Cicco, Moscone, Verrocchi, Tarola, Tarantino, Chiuchiarelli. All. Di Marzio

FABRIANO CERRETO: Monti, Compagnucci (1’ st Zepponi), Ibojo, Tafani, Labriola, Cusimano (19’ st Baldini), Girolamini, Bambozzi, Zuppardo, Pero-Nullo, Piergallini. A disp.: Spitoni, Orfei, Caporali, Sassaroli, Balducci, Rasino. All. Trillini
RETI: 35’ Del Gizzi, 47’ pt rig. Pacella, 59’ rig. Zuppardo

Abritro: Zamagni di Cesena

Note: Ammoniti: Pacella, Del Gizzi, Cicconi, Iacobucci (N); Labriola, Bambozzi (F).
Espulsi: 38’ pt Maghzaoui per condotta violenta. Al 58’ Iacobucci per condotta antisportiva.
Angoli 5-8 Recuperi +3;+5

Valerio Di Fonso