A ROCCACASALE IN UN MESE RADDOPPIATA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

In appena un mese la raccolta differenziata a Roccacasale è più che raddoppiata. La percentuale, raggiunta dal servizio gestito dal Cogesa SpA, è arrivata all’85 per cento. Il dato di partenza era di circa il 40. Il Comune di Roccacasale, socio dal primo gennaio del 2003, ha avviato il porta a porta lo scorso 16 ottobre, su sollecitazione dell’amministratore unico del Cogesa SpA, Vincenzo Margiotta. “Sapevamo che l’avvio del servizio avrebbe portato solo benefici – interviene l’avvocato – per questo lo stiamo estendendo anche in altri comuni e a partire dall’anno prossimo a tutta la città di Sulmona, frazioni comprese. Sono questi gli obiettivi che ci stiamo prefiggendo e che dal prossimo anno dovranno raggiungere tutti i nostri soci. La raccolta differenziata deve diventare per tutti un’abitudine, come lo è già per molti”. Sono circa 300 le utenze servite a Roccacasale, di cui una quindicina quelle non domestiche, fra attività commerciali e studi professionali.Grazie alla partenza del servizio, in paese è stato debellato l’abbandono dei rifiuti da parte di residenti di altri comuni dove è già attivo il porta a porta.  “Purtroppo da quasi tutta la Valle Peligna venivano a gettare i loro rifiuti nei nostri cassonetti – fa notare il sindaco di Roccacasale, Enrico Pace – con l’attivazione del porta a porta abbiamo finalmente messo fine a questo fenomeno, che comprometteva il decoro del paese e influiva soprattutto sulle tasche dei cittadini. Grazie alla loro collaborazione e all’apporto decisivo del Cogesa siamo riusciti a trasformare un punto di debolezza in un punto di forza. L’85 per cento è un ottimo risultato che ci riempie di orgoglio”.
Sono 62 i Comuni attualmente soci del Cogesa, una decina entrati solo negli ultimi quattro mesi, dopo l’insediamento dell’amministratore unico Vincenzo Margiotta, dal primo luglio alla guida del Cogesa.