CLUB ALPINO: BENE INVESTIRE SU IMPIANTI DA SCI MA IL RESTO DEL TERRITORIO E’ IN ABBANDONO

Impianti e piste da sci, con investimenti per oltre cinque milioni di euro, portano turismo e occupazione. Ma la sezione del Club Alpino Italiano di Sulmona, che pure si compiace di questa importante iniziativa, si chiede “se sono stati trovati tutti questi soldi per gli impianti di risalita, si troveranno altrettanti soldi per proteggere la montagna dagli incendi o dal dissesto idrogeologico?”. “Sono stati spesi oltre 5 milioni di euro per il carosello bianco, ma le strade di montagna continuano a mettere a dura prova le sospensioni delle automobili, quando sono aperte al traffico – ricorda il Cai – la prima che viene in mente è la Pacentro-Passo S. Leonardo. Bene tutti questi soldi per il turismo invernale ma si troverà qualche spicciolo per fare un’adeguata manutenzione dei sentieri così da sviluppare anche il turismo estivo ed ecosostenibile e impedire a degli incolpevoli escursionisti irlandesi di perdersi perchè hanno trovato un sentiero chiuso dalla vegetazione? Si troverà qualche centesimo per curare siti archeologici in abbandono come Ocriticum vicino Cansano, per citarne solo uno?”. La sezione Cai pone queste domande interpretando il sentimento di quanti frequentano la montagna e continuano a lamentare disagi e a notare spesso l’abbandono nel quale versa il patrimonio ambientale, risorsa assai poco valorizzata del territorio del Centro Abruzzo.