IL MINISTRO LOTTI INAUGURA I NUOVI IMPIANTI DI ROCCARASO, IL SINDACO: GIORNATA STORICA PER L’ABRUZZO (video)

Una giornata di grande entusiasmo e di grande folla per i nuovi impianti sciistici inaugurati a Roccaraso. Gli studenti dell’Istituto Patini-Liberatore di Castel di Sangro, guidati dalla dirigente Cinzia D’Altorio, gli operatori economici del comprensorio, i maestri di sci hanno fatto da cornice all’inaugurazione in una giornata rigida ma con il sole splendente. Al taglio del nastro ha partecipato il ministro dello Sport, Luca Lotti.”Oggi stiamo inaugurando un investimento importante, un investimento che punta sul turismo, sullo sport e sull’attrazione turistica”. Così il ministro dello sport, subito dopo il taglio del nastro dei nuovi impianti di risalita, i“Un’occasione bella per parlare di sport e anche di quei fondi europei ben spesi. Eravamo abituati a parlare di fondi europei che tornano in Europa e non rimangono sul territorio. Lasciatemi dire con felicità di come le regioni in questo caso l’Abruzzo hanno saputo gestire bene i finanziamenti per realizzare questa importante infrastruttura” ha dichiarato Lotti che quindi ha sottolineato l’importanza dell’innevamento programmato, il più grande d’Italia e il terzo nel mondo. “Oltre 5 milioni per realizzare il terzo impianto del mondo nel Centro Italia e non nel Nord. La dimostrazione, ancora una volta che i fondi possono essere spesi bene” ha aggiunto il ministro. “Stiamo vivendo un momento particolare per lo sport se pensiamo che negli ultimi 10 anni non si sono investiti quasi mai denari. In questi due anni abbiamo investito sul fondo sport e periferia 200 milioni” ha continuato Lotti. “Un risultato incredibile. Abbiamo reso strutturale il fondo anche per i prossimi anni: chi verrà dopo di noi troverà la strada già tracciata, per la prima volta si sta investendo nelle infrastrutture nel nostro paese perché convinti che le infrastrutture sportive siano una parte importante economica e turistica” ha precisato. “Questi investimenti rendono l’Abruzzo all’avanguardia nel settore dell’innevamento e delle strutture sportive. Credo che questa sia una dimostrazione di come i fondi strutturali, gli Fsc, vengano spesi e spesi bene. Come ci sia un cambio di passo rispetto al passato perché i fondi restano sul territorio. Quello di Roccaraso è uno degli investimenti più virtuosi che fa di Roccaraso una delle realtà sciistiche italiane più importanti insieme a quelle del Nord” ha concluso Lotti. Per il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, citando Ennio Flaiano, “le montagne sostituiscono le basiliche che non riusciamo ad avere. Da questa bellezza e da queste altezze siamo riusciti a mettere in campo un’attrattiva che fa in modo che l’Abruzzo sia irripetibile per molta parte d’Italia”. “Per questo abbiamo investito e continueremo ad investire – ha concluso D’Alfonso – siamo perciò grati ad imprenditori coraggiosi e intelligenti”. “Giornata storica per Roccaraso, l’Alto Sangro e l’intero Abruzzo, l’inaugurazione di queste nuove cabinovie dimostra la capacità di saper spendere finanziamenti pubblici per realizzare infrastrutture pubbliche a servizio di un intero territorio”. Così il sindaco di Roccaraso Francesco Di Donato a margine dell’inaugurazione dei nuovi impianti di innevamento artificiale e di risalita. “La presenza del ministro certifica l’attenzione del governo sulla nostra ariane sancisce gli sforzi fatti dalla politica e dagli operatori”. Anche il presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso ha espresso tutta la sua soddisfazione per il raggiungimento degli obiettivi ricordando “che questo risultato è il frutto di una sinergia delle municipalità del territorio dell’Alto Sangro che hanno saputo assumere all’unisono la decisione di investire sul bacino sciistico le risorse concesse dalla Regione”. Caruso nella qualità di sindaco di Castel di Sangro e di soggetto attuatore dell’intervento, ha voluto ringraziare i protagonisti dell’iniziativa che “hanno saputo con grande professionalità e abnegazione raggiungere un risultato storico per l’intero territorio”. Alla cerimonia inaugurale anche il presidente della Lega Pro del calcio, Gabriele Gravina e il presidente del Parco nazionale della Maiella, Franco Iezzi.