“CANSANO IL BORGO PRESEPE”, QUARANTA PRESEPI IN MOSTRA

Sarà inaugurata domani, 8 dicembre alle 18, con una passeggiata lungo i vicoli del paese, la quinta edizione di “Cansano Il Borgo Presepe”, manifestazione organizzata dalla Pro Loco di Cansano in collaborazione con il Comune. L’evento, che si protrarrà fino al 7 gennaio 2018, punta alla valorizzazione e alla promozione del suggestivo borgo antico di Cansano, luogo di storie e di memorie che torna ad essere spazio di socializzazione e di vita grazie ad una piccola ma efficace operazione di Land Art. Più di quaranta presepi realizzati con tecniche e materiali eterogenei (carta, legno, materiale di riciclo, stoffa, alimenti) sono infatti stati allestiti nelle nicchie delle case antiche, su davanzali di finestre, negli ingressi di abitazioni e su scalinate, in vecchie cantine, creando un’atmosfera caratteristica, anche grazie alla diffusione, dal pomeriggio, di musiche natalizie. Dopo il successo delle due passate edizioni, anche quest’anno la manifestazione è accompagnata dal concorso a premi “Il Presepe più bello”, che vede le scuole dell’infanzia e primarie del territorio sfidarsi a colpi di creatività e abilità. Il concorso è sponsorizzato da BCC Banca di Credito Cooperativo, Adrian Sport, Libreria Puntoeacapo, Cartolibreria Tollis e RC Elettronica. Sarà una giuria tecnica a decretare i tre vincitori del concorso; un Premio Speciale del pubblico verrà poi assegnato in base alle preferenze manifestate dai visitatori (sarà possibile votare tutti i sabati e le domeniche dalle 17 alle 20, nei locali del Centro di Documentazione e Visita di Ocriticum, piazza XX Settembre). L’inaugurazione di “Cansano Il Borgo Presepe” verrà arricchita da un altro evento particolare: l’accensione dalle 19    di un grande falò nella piazza principale del paese in onore dell’Immacolata Concezione e secondo l’antichissima tradizione della Santa Marì Cuncètt’. A partire dalle 19.30 la Pro Loco organizzerà un momento conviviale attorno al fuoco: vin brulè, cioccolata calda, panini con salsiccia e altre specialità locali da degustare riscaldati dal calore del fuoco e dalle melodie popolari de “I Suoni del Morrone”.