IL SINDACO DI AMATRICE AL CONVEGNO PANATHLON: SE SIAMO VIVI LO DOBBIAMO ALLA SOLIDARIETA’ DEGLI ITALIANI

“Se oggi viviamo lo dobbiamo al gran cuore di un popolo di uomini e donne straordinari come gli italiani”. Un messaggio chiaro e venato di amarezza quello venuto ieri pomeriggio dal sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ospite e protagonista del convegno su “Lealtà sportiva e lealtà amministrativa” promosso dal Panathlon Club di Sulmona al foyer del Teatro Caniglia. Con Pirozzi ex calciatore e oggi allenatore della squadra della sua città, sono intervenuti anche il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina e l’architetto professor Raffaele Giannantonio. Il convegno è stato aperto dal presidente del Panathlon sulmonese, Luigi La Civita e dal saluto del vice sindaco Mariella Iommi. “Lo sport resta una risorsa molto importante per i giovani – ha poi sottolineato Pirozzi – insegna a fare gruppo, insegna la lealtà ed il rispetto delle regole, insegna a capire che dopo ogni sconfitta torna sempre la vittoria”. “In politica invece bisogna ogni giorno fare battaglia contro l’insensibilità e l’indifferenza di tanti, soprattutto davanti a difficoltà e sofferenze che toccano tante persone” ha aggiunto Pirozzi. Presentando poi il suo libro “La scossa dello scarpone”, il sindaco di Amatrice ha ricordato i momenti tragici e bui del terremoto che ha colpito la sua città. “Quella scossa ha insegnato tante cose – ha concluso il sindaco – oggi abbiamo sempre più bisogno di gente che indossa lo scarpone, nel senso di gente che ha coraggio e non si arrende davanti alle difficoltà anche più gravi e funeste ma sa rialzarsi e andare avanti, con forza e con decisione”.

fotoservizio Angelo D’Aloisio