GIUNTA DI NINO NEL MIRINO DI PRATOLA INSIEME SU STADIO, RICOSTRUZIONE E CARTELLONE NATALIZIO

“I Nerostellati non giocheranno nessuna partita in casa, considerato che la stagione invernale è imminente ed i tempi tecnici per eventuali migliorie non ci sono, questa la verità nemmeno tanto nascosta”. Ad affermarlo è il gruppo di minoranza Pratola Insieme, rilanciando l’attenzione sulle vicende dello stadio Ezio Ricci, per il quale pochi giorni fa il Comune ha pubblicato il bando per l’affidamento della gestione. “Giocheremo una partita all’attacco e senza esitazioni” questo era lo slogan in campagna elettorale dedicato allo sport ed allo stadio Ezio Ricci – ricorda Pratola Insieme – durante la  conferenza stampa relativa ai primi cento giorni di mandato, il sindaco Antonella Di Nino ha dichiarato di aver elaborato un regolamento per la gestione dello Stadio. Sono passati quasi sei mesi, in soldoni metà stagione calcistica.Che impegni prende il sindaco per garantire il dovuto funzionamento di un impianto pubblico per la prossima stagione se nessuno dovesse rispondere al bando? Eventualità, tra l’altro, assolutamente probabile date le proibitive condizioni di concessione previste”.  Per il gruppo di minoranza “
il sindaco non si aspetterà mica che sia Babbo Natale ad occuparsi della manutenzione di un bene pubblico”. Ma non solo lo stadio è nel mirino delle critiche del gruppo che chiede al sindaco Di Nino notizie sul cartellone natalizio, su quante risorse sono disponibili. Infine sulla ricostruzione Pratola Insieme afferma che non si sono notate “grandi rivoluzioni in città sul tema” e per questo Pratola Insieme esige azioni concrete che interessino la ricostruzione post sisma e la sistemazione in sicurezza delle classi scolastiche sostenendo che “dopo cinque mesi di mandato, i nostri ragazzi sono costretti a svolgere le loro attività didattiche in edifici non sicuri”. “Ci auguriamo, quindi, meno slogan e meno autocelebrazioni” conclude Pratola Insieme auspicando che si chiuda Facebook e si aprano gli occhi sulle attese dei cittadini e sui loro interessi.