TROVATO MORTO IN SERATA IL GENERALE GUIDO CONTI (Video)

 

Guido Conti, generale di Brigata dell’Arma dei Carabinieri Forestali e fino al mese scorso comandante regionale Carabinieri Forestali dell’Umbria con sede a Perugia è stato trovato morto questa sera, nelle vicinanze di Pacentro, a bordo di una Smart grigio metallizzata e nera. Questa mattina, come sempre, Conti era uscito di casa nelle prime ore e aveva detto che sarebbe rientrato per ora di pranzo. Non vedendolo rientrare a casa la moglie si è subito allarmata. Immediatamente sono scattate le ricerche prolungatesi per tutto il pomeriggio, fino intorno alle 21.30 quando il cadavere del generale è stato ritrovato. Per il momento sono tante le ipotesi sulle quali lavorano gli inquirenti. L’ufficiale sembra che attraversasse un periodo delicato e gli amici più stretti in questi giorni lo avrebbero visto preoccupato. Non è da escludere che vivesse un momento di travaglio interiore, soprattutto per l’abbandono dell’arma, cui era stato sempre molto legato, orgoglioso e fiero della sua divisa e del suo impegno nell’arma. Infatti Conti dal primo novembre scorso era stato assunto dal Gruppo Total quale direttore esecutivo del settore ambiente e sostenibilità, con autorità per tutte le attività italiane, proprio in virtù della sua competenza e capacità in materia di tutela dell’ambiente, dimostrate in diverse inchieste condotte con successo. Proprio in questi giorni il generale avrebbe dovuto frequentare un importante corso a Parigi proprio in preparazione del nuovo delicato incarico con la Total. Già  comandante provinciale del Corpo Forestale di Pescara, distrettuale di Avezzano Sulmona, capo Nucleo Investigativo all’Aquila, capo del Cta Velino Sirente, docente di materie legislative e selviculturali nelle scuole allievi sottufficiali e agenti forestali di Cittaducale e Sabaudia, è stato anche autore di decine di pubblicazioni scientifiche e legislative. Conti è spesso stato titolare grandi inchieste, a cominciare da quella sul Polo chimico di Bussi, la strada Mare Monti, Cabina di regia a Spoltore, con arresto del presidente della giunta regionale e sindaco, Blu River di fiumi inquinati da diossina, sequestro di tutte le antenne a San Silvestro, traffici di rifiuti transregionali, la megatruffa ai danni della Thyssen di Terni o la mega inchiesta Gesenu a Perugia e la parte umbra di Earthquake  l’inchiesta sul terremoto in Abruzzo che aveva la centrale corruttiva a Perugia.